lunedì 29 agosto 2016

Recensione "I quattro protetti" di Chiara Cilli

Buon inizio settimana a tutti, anche io torno a regime, come si dice. Oggi vi propongo il mio pensiero sul primo libro di una trilogia urban fantasy, decisamente originale, scritto da un'autrice italiana famosa per i suoi libri dark romance. Libro self decisamente curato nei particolari.



Autrice: Chiara Cilli
Titolo: I quattro protetti
Data di pubblicazione: 26 febbraio 2015
Pagine: 328
Serie: La guerra degli Dei #1

Trama:
Il mio nome è Calen.
Sono un Emissarius, un agente segreto al servizio del Re della Nova Terra.
Ma non sono un soldato comune.
Io e i miei tre compagni siamo i Carnificēs, la squadra numero uno dell'intera Academīa.
Noi vinciamo sempre.
Noi non perdiamo mai.
Noi siamo invincibili.
Ma siamo anche qualcos'altro.
Qualcosa che va oltre ciò in cui abbiamo sempre creduto.
Qualcosa che cambierà per sempre le nostre vite.
I nostri nemici sono usciti allo scoperto.
La verità è stata svelata.
La lotta per conquistare ciò che ci appartiene è cominciata.
Una guerra che mai avremmo pensato di sostenere è alle porte.
E noi non abbiamo scelta.
Combatteremo.




Questa serie è considerata il sequel della saga "La regina degli inferi" che io, ahimè, non  ho letto. Ma comunque non è fondamentale averlo fatto, in quanto viene spiegato tutto il necessario, si può tranquillamente partire da questo.
Il libro è narrato in prima persona da Calen, la protagonista che condivide però il ruolo con i suoi tre compagni di avventure: il tenebroso Falen, per il quale prova un'attrazione che le toglie il fiato, direi decisamente ricambiata, e gli amici fedelissimi Dik e Naur.
Ci avevano addestrati a non provare emozioni, quando eravamo in azione, o semplicemente quando eravamo al cospetto di gente importante. La cosa non mi era mai piaciuta molto: amavo ridere con i miei amici e comportarmi come una ragazza normale. Ma non lo ero. Nessuno di noi lo era. Eravamo agenti segreti, e i soldati non scherzano, né provano sentimenti. Questo ci avevano insegnato il primo giorno che avevamo messo piede in questa prigione di lusso.
Loro sono i Carnifices, i migliori emissari del Re, agenti speciali impegnati sotto copertura a salvare il loro regno, la Nova Terra, dall'invasione della sovrana Akane del regno vicino (li divide un ponte), Tenebrarum Caput. Vivono e si allenano all'Academia, che per Cal spesso è una prigione. Durante una missione, la più pericolosa di sempre, apprenderanno l'esistenza della magia e scopriranno di essere molto di più che i migliori agenti del regno.
Mi è proprio piaciuto questo primo libro e come serie promette bene. Ha tutti gli elementi giusti: una buona dose di azione, avventura e anche amore, miscelati insieme. Chiara Cilli scrive bene e non è prevedibile. Il fatto che per tutto il libro ci sia questo rapporto di amore/odio fra Cal e Falen e che, per il momento, non sfocia nel happy end che si potrebbe immaginare, io l'ho veramente apprezzato, mi ha piacevolmente stupita.
I personaggi sono ben caratterizzati, ti sembra di conoscerli personalmente. Cal è un'eroina piena di difetti, altro particolare che apprezzo. Mi ha ricordato Anita Blake, per la sua caparbietà e il suo essere fuori dalle righe. La storia è molto articolata e ricca di particolari ma ben spiegata. Ci sono diverse descrizioni, cosa normale per introdurre un nuovo mondo, che permettono di capire meglio. Alcuni passaggi non mi sono piaciuti o non li ho trovati in linea con i personaggi, non posso elencarli perché sarebbe spoiler, ma nell'insieme il libro funziona. Soprattutto perché è ben scritto e segue una linea precisa, mi ha dato l'idea di un lavoro molto curato.
"Un tempo, la magia era la vita di Penthànweald. Era ovunque e tutto si nutriva di essa. Vi erano individui che sapevano controllarla e usarla, ma solo alcuni non si sono fatti dominare dall'oscurità che essa propagava in loro. Queste persone venivano chiamate Protetti e conservavano una parte dei poteri degli Dèi da cui erano stati scelti. Con il passare dei secoli e l'evoluzione, i Protetti sono scomparsi e la magia si è estinta. O almeno, così credevamo."
Il finale mi ha lasciato la curiosità di scoprire cosa ci riserveranno i seguiti, che ho scoperto sono già usciti, per fortuna. Non mi resta che leggere e se vi piace il genere vi consiglio di farlo anche voi.
Conoscete il libro o la saga precedente? Avete letto altro di questa autrice?



9 commenti:

  1. Grazie infinitamente per questa bellissima recensione, Chiara :D ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per questa storia, ora continuo la serie!

      Elimina
  2. Oh!! Ma che bella recensione piena di entusiasmo!! Complimenti all'autrice così giovane e piena di talento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero, mi ha coinvolta tantissimo questa storia

      Elimina
  3. Allora, io adoro Chiara Cilli per i suoi romanzi dark e suspense ma non ho ancora letto quelli fantasy. Colpa mia che del genere ormai leggo poco e nulla ma Chiara è Chiara e prima o poi spero di poterli leggere. Chiara non è mai prevedibile e io l'amo e odio per questo >_<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io adoro il fatto che non sia prevedibile! E poi tra Chiare ci si capisce ihihih

      Elimina
  4. Io adoro e stravedo per la Chiara dark della Blood Bonds e della MSA....E' davvero un genio, anche se a fine serie in genere la odio anche un pò (chi conosce i suoi libri sa perchè ahahahahah) ......ma niente paura, poi scrive qualcosa di nuovo e io la ri-amo come il primo giorno!! ;) I fantasy non li conosco, ma col suo stile saranno di sicuro delle bellissime storie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonietta, Chiara è proprio brava a scrivere e anche col fantasy riesce nell'impresa. Ho comprato giusto la scorsa settimana il secondo e il terzo di questa serie, li leggerò presto

      Elimina