mercoledì 21 marzo 2018

Recensione "L'ultima lezione di Miss Bixby" di John David Anderson - Perché te lo dico io #7

Buongiorno! Dopo molto tempo e altrettante peripezie finalmente io e Lea del blog Due lettrice quasi perfette torniamo con questa rubrica, che tanto mi è cara


E' un'idea che è nata parlando della nostra passione comune: i libri di narrativa per ragazzi. Ogni volta una di noi consiglierà all'altra un titolo, spiegando il perché di quella scelta e ci sarà la recensione. La cadenza sarà del tutto casuale perché noi due in fondo ci sentiamo ancora adolescenti e quindi pubblicheremo quando ci pare e piace!

Lea mi ha consigliato questo libro dicendo:
Una lettura coinvolgente ed appassionante che in nessun modo potrei ridurre ad una storia strappalacrime perché tra le pagine di questo libro c'è tantissima energia e la spinta ad agire e a vivere con pienezza.


Autore: John David Anderson
Titolo: L'ultima lezione di Miss Bixby
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 24 ottobre 2017
Pagine: 249

Trama:
Al mondo esistono sei tipi di insegnanti: gli Zombie; i caffeina dipendenti (Caff-Dip); i temibili Dungeon Master; gli Spielberg con un film sempre pronto; i Novellini e infine quelli che Brand, Steve e Topher - compagni di classe e amici inseparabili - chiamano semplicemente i Buoni, quelli che rendono sopportabile la tortura altrimenti detta scuola. Come la professoressa Bixby.
Miss Bixby ha ciocche di capelli rosa come lo sciroppo di fragola e occhi verdi come l'erba appena spuntata; ama leggere Lo Hobbit a voce alta, infarcire i suoi discorsi di piccole citazioni e, soprattutto, dedicare attenzione ai suoi studenti. Ma ha anche una malattia incurabile che improvvisamente la costringe a lasciare la scuola… Brand, Steve e Topher elaboreranno così un piano a volte pericoloso, ma assolutamente fantastico, per regalare alla persona che più di ogni altro ha creduto in loro un ultimo momento magico, dove il tempo si ferma, la musica suona e nulla di brutto può accadere.

Nella vita, se si è veramente fortunati, può capitare di incontrare una persona Buona, un insegnante capace di migliorarti la vita, di aiutarti a crescere e trovare la tua strada o semplicemente ricordarti di credere in te stesso. Io ho avuto questa fortuna e ringrazio ancora per questo. A dodici anni, così come anche qualche anno dopo, un professore di questo tipo è fondamentale per la crescita. Dovrebbero esserlo tutti così, ma sono rari. La Bixby lo è, anche se ha dovuto mollare i suoi alunni di colpo, per un problema di salute grave. Così grave che non sono neppure riusciti a salutarla come merita, così improvviso che sa troppo di definitivo e sbagliato. Brand, Thoper e Steve non ci stanno e decidono di regalarle un ultimo giorno perfetto, proprio come si merita. (Mi permetto una critica alla traduzione del titolo, l'originale era perfetto, questo molto meno).
La vedo davanti a me, con le mani sulle mie spalle, a dirmi che a volte sei sconfitto prima ancora di cominciare, ma non importa. Uno va avanti. A tutti i costi. E capisco che la giornata non è ancora finita.
Questo libro è molto dolce anche se tratta argomenti forti. Ha uno stile semplice e diretto, ideale per i ragazzi. Trovo che sia molto istruttivo anche per i genitori, aiuta a capire meglio dinamiche e aspettative e a ridimensionare il tutto.
Ho molto amato il rapporto fra i ragazzi e anche le loro prerogative. Ho provato compassione per le loro difficoltà che neanche si accorgono di avere.
I personaggi sono la chiave del libro, è scritto in prima persona alternando Thoper, Steve e Brand, perché sono la chiave di tutto.

Le avventure che intraprendono sono divertenti e ho apprezzato i rimandi al passato, per raccontare aneddoti ed entrare meglio in sintonia con i vari personaggi.

Ho trovato però tutto troppo perfetto, come se ci fosse un velo di buonismo su ogni cosa. La distinzione fra giusto e sbagliato è netta, cosa utile per i ragazzi ma per me troppo esagerata. All'inizio soprattutto ho faticato per questo così come per la demonizzazione della famiglia in favore della perfezione della scuola, cosa che purtroppo non è realmente vera, almeno non qui. 
La fine invece mi ha coinvolta totalmente, facendomi anche commuovere.
"[...] Qualcuno ci vede. Qualcuno là fuori forse ti considera la cosa più favolosa di tutto il mondo. Non pensare mai di non essere bravo abbastanza."
Questo è un libro che terrò prezioso per i miei figli, per sottolineare l'importanza di credere in sé stessi e nell'amicizia. Per ricordarmi anche di trattarli da ragazzini, seguendoli ma non pretendendo cose eccessive o inadatte. 
Voto:

Voi avete avuto una Miss Bixby? Siete curiosi di sapere cosa ho consigliato a Lea? Trovate il post qui.


Alla prossima

12 commenti:

  1. Ogni volta che mia figlia mi dice che a scuola hanno visto un film mi vengono in mente i vari tipi di prof descritti in questo libro. Le miss Bixby sono poche mentre gli altri...abbondano. Quando nel libro ho colto i rimandi ad Harper lee mi ha definitivamente conquistata.
    Alla prossima e grazie x avermi fatto leggere la Black.
    Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho mentalmente suddiviso i vari insegnanti, di Bixby ce ne sono troppo pochi davvero! I riferimenti a Atticus (ma anche Star Wars per me) hanno dato quel tocco in più, grazie Lea

      Elimina
  2. Davvero molto interessante! Lo terrò in considerazione :) Non sono mamma, ma potrebbe essere un buon spunto di riflessione per il futuro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche non da mamma è interessante. Se ti piacciono i libri per ragazzi questo offre molti spunti

      Elimina
  3. Avevo già letto la recensione di Lea e mi ero appuntata il libro. Mi fa piacere sua piaciuto anche a te questa è una spinta in più per leggerlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava Chicca, io so che tu questo lo adorerai

      Elimina
  4. Lessi a suo tempo la recensione di Lea e già ne rimasi colpita, ora leggendo la tua ho una ulteriore conferma. Lo segno e aspetto che la mia Chiara cresce un altro Po per poterlo comprare! Baci Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Rosa, leggilo tu e tienilo per Chiara (che nome interessante!). Io anche lo terrò lì per i miei

      Elimina
  5. La mia wishlist cresce sempre, sempre e sempre di più!!
    Ora sono curiosissima di leggere questo romanzo e parlarne presto sul mio blog! :D

    RispondiElimina
  6. Ciao Chiara :)
    Ma che bella recensione! Sembra una lettura veramente molto interessante, oltre che a formativa quindi la metto molto volentieri in wishlist (tenendone conto anche per qualche regalo libroso da fare).

    :)
    Eleonora C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai benissimo Eleonora, è un ottimo regalo questo

      Elimina