giovedì 1 marzo 2018

Questa volta leggo... #2

Buongiorno e buon inizio mese! Sono felicissima perché questa rubrica sta andando proprio bene, ci tenevo veramente tanto. Grazie davvero a tutti voi, per l'accoglienza data e per la partecipazione. Anche un po' per la pazienza, siamo pignolette e a volte immagino sia dura. 
Pronti a ripartire?


Ogni mese verrà scelto un argomento e troverete le recensioni sui vari blog partecipanti. Ognuno quindi avrà un titolo diverso, sarà una specie di catena di recensioni, tutte con un comun denominatore.

L'argomento di marzo è 
      
Un libro che non sono riuscita a leggere nel 2017

La lista è molto lunga ma come primo titolo mi è venuto subito in mente questo, comprato a Tempo di libri appena uscito e sempre rimandato. Adoro questa autrice, che è Virginia De Winter, sempre lei che io adoro, ormai lo saprete. Qui oltre il nome ha cambiato anche genere, toccando il contemporaneo, che proprio non mi verrebbe da associarlo a lei. Forse per questo ne ho rimandato così a lungo la lettura, avevo il terrore di rimanere delusa. Sulla fiducia però ho comprato già anche il successivo e in questo momento sono stra felice di averlo fatto.

Autrice: Serena Nobile
Titolo: Quello che i tuoi occhi nascondono
Editore: HarperCollins
Data di pubblicazione: 20 aprile 2017
Pagine: 332
Serie: #1 Cinque sensi

Trama:
Bianca ama guardare il mondo attraverso l'obiettivo della sua Reflex, cogliere suggestivi scorci delle vie romane e fuggevoli istanti delle vite altrui. Una sera, mentre sta scattando fotografie sui gradini di un negozio chiuso, si avvicina un ragazzo. Poche parole sussurrate, istanti di fuoco e poi solo la curva seducente e perfetta delle sue spalle impressa sulla pellicola, unico ricordo di quell'incontro. Per Bianca, il desiderio sembra incarnarsi in quella pelle color del latte e in quella bocca dalla bellezza struggente e malinconica, ma quando per caso si incontrano di nuovo, capisce che i loro mondi sono in collisione: lei giudica l'ambiente della televisione cui Federico appartiene superficiale e falso, lui ritiene Bianca solo una ragazza presuntuosa e arrogante. 
A quel punto, però, la scintilla è scattata e, carezza dopo carezza, Bianca scopre nel corpo di Federico un linguaggio che parla direttamente ai suoi occhi e al suo cuore. Eppure non ha il coraggio di lasciarsi andare, perché mentre lui lascia nella sua vita indelebili tracce di passione, un passato mai sepolto del tutto riemerge con prepotenza: sia lei che le sue migliori amiche hanno la sensazione di essere seguite, osservate da una misteriosa presenza, e strane coincidenze le riportano ai tempi dell'università, alla notte terribile che ha segnato in maniera indelebile il loro futuro. 
Dimenticare è impossibile, l'assoluzione inaccettabile, la vendetta in agguato.
Romantico, sexy e pieno di passione, Quello che i tuoi occhi nascondono è il primo appuntamento con la serie 5 SENSI.


Mi conoscete, sapete l'amore che provo per la scrittura di questa autrice, le ho dedicato il mio San Valentino quest'anno. Ma sapete anche che se non mi piace qualcosa io lo dico, indipendentemente da chi ho di fronte. Appartengo a questa scuola io, saremo anche sciallette ma siamo oneste noi!
Questa premessa per togliermi un sassolino dire che le mie parole sono sempre sincere. In questo caso poi sono partita terrorizzata. La Lady qui ha cambiato completamente genere, pure nome. Il suo modo di scrivere è ideale per gli storici, non riuscivo proprio a immaginarmelo in un contemporaneo. Avevo paura che l'avesse stravolto e che non mi piacesse come prima. Sono felice di dirvi che i miei timori erano decisamente infondati.
Perché fin da subito è lei, in ogni parola, nella punteggiatura. È stato come tornare a casa, davvero. Il suo stile ricercato, elegante, è presente da subito. Mai avrei pensato ad abbinarlo a un romance contemporaneo invece ci sta benissimo. Anche perché, secondo me, questo non è un classico romance.
La storia d'amore tra Bianca e Federico non è così importante, non viene messa in risalto. Molto più rilevante ho trovato la caratterizzazione dei personaggi. Infatti è un libro introspettivo, che scandaglia l'animo. Non abbiamo in questo il classico bad boy e la timidina che lo conquista in un lampo.
Abbiamo invece due persone piene di paure e insicurezze, che affrontano la vita come possono. Cercano di raggiungere gli obiettivi senza farsi troppo male, vivendo al meglio e sbagliando. Avrei apprezzato qualche riga in più sul passato di entrambi ma il tutto funziona lo stesso benissimo.

L'autrice è maestra in questo. Di nuovo qui ho trovato la costruzione dei protagonisti fatta in maniera esemplare. Un'altra volta mi è sembrato di conoscerli, di avere davanti agli occhi due amici. Adoro il suo modo di presentarteli. 

Per tutta la durata della lettura ho avuto una sensazione quasi malinconica. Si respira un'aria retrò, aiutata dai continui rimandi alla letteratura francese e ai film passati. Un'alone di romanticismo nostalgico, di tempo passato che di sicuro sarà apprezzato dagli amanti delle atmosfere storiche.
Di solito io non amo molto questo, ma la magia del libro mi ha rapita e conquistata pure per questo particolare. Un piccolo miracolo.

Un altro fattore importante è l'ambientazione. Lettori romani o che adorate la città eterna non potete non leggerlo. Un inno d'amore quasi, mi è parso di girare in vespa per le stradine, di scansare i turisti, di bighellonare con i ragazzi festaioli, di mangiarmi una pizza o un supplì in mezzo ai monumenti. Roma riveste un ruolo importante, diventa parte fondamentale di tutto. Descrizioni accurate e mai noiose che mi hanno fatto venire voglia di visitarla nuovamente, guardandola con altri occhi.

Quello che i tuoi occhi nascondono è il primo libro di una serie ma è anche leggibile da solo. C'è una sorta di storia contenitore, riguardo quattro amiche e un mistero, che ogni tanto infonde quell'attimo di suspense che rende il libro ancora più irresistibile. A fine lettura non si ha l'impressione di essere lasciati in sospeso, viene voglia però di conoscere le storie delle altre ragazze. Per fortuna ho già pronto a casa il libro su Vittoria, la seconda amica.
Chi viene con me a fare picchetti alla Casa Editrice per i libri successivi? 
Voto:

Mi rendo conto di essere una sua grande fan, ma davvero secondo me questa autrice è un livello diverso rispetto a molti altri e mi piacerebbe che fosse più seguita, anche solo per fangirlare insieme.
Voi la conoscete?

E ora il calendario della rubrica. Spero che questa vi piaccia, io ci credo molto. E mi diverto pure.

Alla prossima

42 commenti:

  1. Chiara ma come sono felice che il libro ti sia piaciuto!!!!
    ed anche la trama sembra interessantissima, proprio nelle mie corde.
    come sai di virginia de winter mi riprometto sempre di recuperare tutti i libri che hai consigliato, e giuro prima o poi lo farò, e nel frattempo aggiungo anche questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungi tutto, che merita proprio. Adoro il suo stile, credo si sia capito, e puoi spaziare anche fra diversi generi. Cosa vuoi di più?

      Elimina
  2. Mai letto nulla di suo.. ho un po’ di cose da recuperare vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh sì Ely, devi. A te piacerà un sacco, già lo so

      Elimina
  3. Allora, mai letto niente di suo.
    L'ho sempre messa in lista e adocchiata, ma mai letta.
    Secondo me, e magari mi sbaglio, sarà una delle autrici consigliate nella prossima tappa della reading challenge tua e di Dolci. :)

    Comunque direi che, se non ho mai affrontato nulla di suo, con quale mi consiglieresti di iniziare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefania io adoro questa autrice, ormai è palese. Mi piace proprio il suo stile. Per cominciare ti consiglierei La spia del mare. Oppure questo.

      Elimina
  4. Felicissima di far parte di questa rubrica Chiara!
    Non sapevo sai che fosse sempre lei la stessa autrice della saga che adori? Questo mi fa rivalutare questo libro che si sembrava carino già dalla prima volta che l'ho visto ma adesso ha un punto in più perchè so cosa dovrò aspettarmi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Susy. Sono convinta che tu questo lo apprezzeresti un sacco, ha quell'atmosfera da storico che adori

      Elimina
  5. Non ho mai letto nulla di questa autrice, devo assolutamente recuperare. Recensione, come sempre, impeccabile. Brava Chiara ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sonia, mi è venuta di getto. Il libro mi ha catturata e rapita

      Elimina
  6. Una scrittrice che non ti ha mai deluso! Vista la mia preferenza per i contemporanei penso di leggere anche questo, oltre alla saga che mi aspetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio che devi leggerlo! Ma questo leggilo dopo Black Friars

      Elimina
  7. Interessante la struttura della serie come la descrivi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lisse. C'è quel tocco di mistero che non guasta

      Elimina
  8. Come si suol dire "meglio tardi che mai" ;D

    RispondiElimina
  9. Mai letto niente di suo. È una scrittrice che non conosco.

    RispondiElimina
  10. Io non conosco questa autrice, ma segno subito questo titolo perché ne hai parlato in modo così forte che mi ha incuriosito. Poi hai detto che parla di Roma e tu sai quanto io ami la mia città!!! Grazie per aver presentato questo romanzo

    RispondiElimina
  11. Me lo sono segnato al momento dell'uscita e ora mi hai proprio incuriosito...appena finisco i 300 libri che devo leggere in una settimana...

    RispondiElimina
  12. Come sai non è lettura per me, ma sono felice che tu abbia trovato conferma anche nel cambio di genere.
    Bacio

    RispondiElimina
  13. Avevo addocchiata il romanzo all'uscita, anche per colpa di una copertina incantevole. Ma non so se possa rientrare nel mio genere di letture... ma sai come si dice, mai dire mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo libro mi verrebbe proprio da consigliarlo anche a chi i romance non li legge abitualmente, è qualcosa di diverso

      Elimina
  14. Ciao Chiara, mi sembrava di conoscere questo libro! Ricordo una vaga tappa sgomitante alla HarperCollins per arraffarlo... ma proprio vaga eh.

    Prima di lasciarti il mio commento ho due domande:

    1- cosa significa sciallette?
    2- perchè è un paio di giorni che leggo post di blogger che si giustificano per tutto?

    Mi perdo i pezzi come sempre, cmq...

    Se non ricordo male io conosco l'autrice come Virginia De Winter, giusto? Il primo approccio a Black Friars non è stato meraviglioso ma nemmeno pessimo. Mi sembra di capire che con questo romanzo cambia totalmente genere quindi io che faccio?

    Aggiungo in WL, sia mai che resti senza niente da leggere... Finisco anche io i settordici mila milioni di libri da leggere e leggerò anche questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosaria è vero che tu c'eri quando l'ho comprato, da brava e composta lettrice!
      1.Sciallette è un epiteto che alcuni scrittori che non accettano recensioni non positive al massimo hanno coniato per noi.
      2.Non so a cosa tu ti riferisca ma ultimamente alcune blogger sono state attaccate per aver espresso la proprio opinione, è successo anche a me. C'è da riflettere.

      In merito a questo libro se lo stile della De Winter non ti aveva convinta con Black Friars non te lo consiglio, perché è sempre lei, in tutto

      Elimina
  15. Questo romanzo è da sempre nelle mie whishlist ma ancora non sono riuscita a leggerlo!

    RispondiElimina
  16. Mi sembra un romance molto particolare, ultimamente mi sono allontanata dal genere ma potrei provare almeno è qualcosa di nuovo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provaci Cristina, secondo me potrebbe piacerti

      Elimina
  17. Io non ho ancora mai letto nulla di questa autrice nostrana! Ma se dovessi iniziare, penso andrei con la serie di Black Friars! Questo mi ispira e non mi ispira... si vedrà *o*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Denise parti da Black Friars o da La spia del mare, secondo me sono più adatti ai tuoi gusti

      Elimina
  18. Non so se questo libro potrebbe piacermi, nel dubbio segno!

    RispondiElimina
  19. Sai che non sapevo fosse la stessa autrice? Comunque tra il mio amore per Black Friars e la tua recensione l'ho aggiunto alla wish list!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giuls. Contenta di averti svelato il mistero

      Elimina
  20. Dopo La spia del mare, ho intenzione di leggere ancora libri della De Winter (anche perchè la nomini un giorno sì ed un giorno..anche!!), adesso devo capire se andare su questo o sulla serie Black friars

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dici che sono ripetitiva? Ihihihih
      Non preoccuparti, leggerai tutto di lei, tutto!

      Elimina
  21. Quando è uscito questo romanzo mi ha subito incuriosito. La tua recesnione è stata una piacevole conferma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta, leggilo vedrai che ti piacerà!

      Elimina