mercoledì 30 maggio 2018

Recensione "I tre giorni di Atavanno" di Fernanda Romani

Autrice: Fernanda Romani
Titolo: I tre giorni di Atavanno
Data di pubblicazione: 29 aprile 2018
Pagine: 149
Serie: spin-off serie Endora

Trama:
Nilio, guerriero Aldair, è tornato a casa.
I suoi dieci anni di servizio a Endora sono finiti, eppure il suo cuore è pesante. Lo aspettano i suoi genitori e una vita onorata, ma incompleta: Vikandro, l'uomo che Nilio ama da quando erano entrambi ragazzi, non potrà essergli vicino.
Nella società bisessuale degli Aldair l'amore fra due uomini non turba nessuno, ma il padre di Vikandro, un nobile fanatico, contrario a qualsiasi cambiamento, non ha mai accettato la relazione del figlio con chi proviene da una famiglia di mercanti e lo ha punito offrendolo al tempio di Atavanno, il Dio Senza Cuore. Ormai è un guerriero sacro, costretto a portare sempre un maschera con l'effigie della divinità e a ripudiare qualsiasi sentimento.
Ma, durante i tre giorni dedicati a celebrare Atavanno, Nilio e Vikandro si troveranno l'uno di fronte all'altro e il loro sentimento esploderà di nuovo, portando un barlume di speranza.
Dovranno superare il dolore e il rancore, affrontare il sangue e la morte sempre in agguato e sconfiggere gli intrighi degli uomini, più che la collera di un dio.

La saga di Endora:
Recensione "Indegno" spin-off e prequel qui;
Recensione "Endora. Uomini sottomessi" #1 qui;
Recensione "Endora. Donne d'ombra e di spada" #2 qui.
Recensione "Endora. Il tempo degli inganni" #3 qui.

Questo racconto può essere benissimo letto da solo, ma se si conosce la saga di Endora è un di più. Devo ammettere che ero veramente curiosa perché questa storia ha come protagonista un guerriero Aldair, come Daigo, il mio personaggio preferito.

Attraverso questa lettura quindi sono riuscita a conoscere meglio questo popolo e la sua cultura, che tanto mi ha affascinata.

Ciò che più mi ha colpita degli Aldair è la loro promiscuità sessuale, e non in senso negativo. Da subito si capisce che è una popolazione con idee e usanze differenti in cui l'omosessualità e la bisessualità sono accettate, non solo, sono pure in qualche maniera regolamentate. Non ci sono differenze e se un uomo vuole avere un amante può benissimo farlo e anche sposarsi. Magari insieme a una donna, e la sua amante, per la perpetuazione della specie. Sembra complicato ma è tutto molto ben spiegato e, di nuovo, non c'è giudizio alcuno.

I problemi nascono come sempre dal potere. In questa storia il padre di Vikandro non permette al figlio di vivere il suo amore con Nilio, il protagonista, non perché uomo, ma perché non nobile. I problemi di classe sociale sono molto presenti e si ripercuotono anche sulla religione. 
Non dico altro per non raccontarlo tutto, ma la storia creata da Fernanda l'ho trovata molto ben costruita, con basi solide nonostante la sua brevità e il fatto di essere un'opera immaginaria.

Secondo me l'autrice è proprio bravissima in questo: riesce a evocare un mondo e a farti immedesimare in esso. Senza strafare con descrizioni e spiegazioni riesce a coinvolgerti nella storia, aggiungendo anche il giusto mix di azione e suspense.
Non era capace di rinunciare al proprio cuore, poteva solo fingere. 
Ho trovato questo spin-off molto accattivante e ben costruito, mi sono appassionata e affezionata ai personaggi, ho proprio tifato per loro.

L'unico appunto che mi viene da fare è che all'inizio viene presentato il libro e praticamente è tutto raccontato lì, non ci sono grossi colpi di scena, ci si aspetta proprio l'evolversi di quelle situazioni.

Vi consiglio la lettura de I tre giorni di Atavanno, anche solo per farvi un'idea di come scrive questa bravissima autrice e per capire se il genere può piacere. Io intanto aspetto l'ultimo capitolo della saga di Endora, ora sono ancora più impaziente.
Voto:


6 commenti:

  1. Fernanda Romani30 maggio 2018 10:43

    Grazie, Chiara, è sempre una grande soddisfazione per me ricevere i tuoi apprezzamenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Fernanda, per me lo è leggere i tuoi libri!

      Elimina
  2. La trama non mi aveva fatto impazzire, quindi ho iniziato a leggere la tua recensione senza aspettarmi chissà che, ma arrivata alla fine mi sono dovuta ricredere! Adesso sono davvero curiosa! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi piace moltissimo lo stile dell'autrice, è tanto curato

      Elimina
  3. Metto in lista anche questa serie. Mi hai convinta ;-)

    RispondiElimina