lunedì 14 maggio 2018

Recensione "New Earth" di Monica Lombardi

Autrice: Monica Lombardi
Titolo: New Earth
Editore: Emma Books
Data di pubblicazione: 30 aprile 2018
Pagine: 321
Serie: #3 Stardust

Trama:
In un futuro dove l’umanità è divisa in due razze, la cui convivenza pacifica sembra un miraggio in cui pochi credono, il gruppo di ribelli noto come New Earth lotta per salvare un mondo malato, spaccato in due. Nella convinzione che il genere umano possa sopravvivere solo se le sue due metà saranno riunite.
Nathan Roscoe non lotta solo per questo, ma anche per salvare suo figlio e per il diritto della sua famiglia di esistere.
Viktor Zahn, il nemico di sempre, lotta invece per la droga più antica: il potere. Per averlo deve distruggere anche chi si è rifugiato nel passato per trovare nuovi alleati.
Vecchia Era e Nuova Era, due tempi che corrono su binari paralleli uniti dai Portali, luoghi antichi che l’umanità del futuro ha imparato a utilizzare.
Lo Stardust è un ponte tra presente e futuro. Può allontanare, può temporaneamente dividere, ma non può distruggere i legami che uniscono due famiglie destinate a cambiare, un’altra volta, il destino dell’umanità. Non può separare chi si è scelto per un amore che rifiuta ogni ostacolo, che non conosce divisioni di razza o di tempo.

Il terzo romanzo di una serie imperdibile che vi trasporterà in un mondo nuovo eppure sempre uguale, che vi farà viaggiare nel tempo sulla scia dello Stardust, la polvere di stelle, a fianco di uomini e donne che non si danno per vinti, determinati a lottare oggi per vincere domani.

Recensione L'inizio #0.5 Stardust - prequel
Recensione Free #1 Stardust
Recensione Memory War #2 Stardust

Questo è il libro conclusivo della serie Stardust, che racchiude elementi fantascientifici, distopici e romance, il tutto condito a dovere della giusta dose di adrenalina, come ogni romanzo scritto da Crudelia Monica Lombardi.
Anche in questa saga, decisamente diversa dagli altri suoi lavori, ho ritrovato quella penna che mi ha conquistata da subito. Perché non ci sono storie, lei scrive bene, punto. Oltre a usare un italiano corretto (cosa non così scontata purtroppo ultimamente), ha quel modo di esporre i fatti che ti cattura dal prologo e non ti lascia nemmeno dopo l'epilogo. Ti inchioda al kindle, facendoti fare esercizi di apnea. E questo caso non ha fatto eccezione.
Certi incontri, non importa quanto improbabili, non lasciano scelta.
Questa saga me la sono goduta tantissimo, la trama è decisamente avvincente. In questo capitolo conclusivo tutti i nodi vengono al pettine, ogni cosa viene spiegata e non mancano i colpi di scena.
L'intreccio creato da Monica è strepitoso, l'idea dei viaggi nel tempo spiegata in maniera semplice ma esaustiva. La Nuova Era composta da Phys e Mepow è inquietante al punto giusto. Avrei voluto avere più dettagli, vivere di più quell'aria distopica appena accennata, carpirne ogni sfaccettatura. Mi è mancata un po' la parte più politica del genere, quella relativa al worldbuilding, che qui è spiegato ma passa in secondo piano rispetto al resto. Questo perché io sono un'amante del genere, fantascienza e distopia da sempre sono nella mia libreria e un libro con questa ambientazione invoglia i cultori del genere a leggere pagine e pagine di descrizioni riguardo.
In questo caso ha prevalso la scorrevolezza, infatti si legge praticamente da solo, trattenendo il fiato a ogni pagina.
Avevo una missione, e l’amore non era contemplato. Ma l’amore non chiede il permesso, non aspetta il momento giusto. Ti viene addosso e basta. Per fortuna lo fa.
Altra particolarità è il numero elevato di personaggi,ognuno a modo suo protagonista. Qui di nuovo voglio fare i complimenti a Monica, perché nonostante il numero consistente di nomi e tenuto conto dei vari "viaggi" nel tempo attraverso lo stardust, non ho mai tentennato, non ho mai avuto bisogno di leggere all'inizio del libro la descrizione dei vari personaggi, ho sempre avuto in mente chi era chi e le varie relazioni e parentele, che sono pure complesse. Bravissima.
L’indomani i loro mondi sarebbero entrati in collisione, in più di un senso. Presente e futuro, Hawk e Raven.
Altro aspetto che mi preme sottolineare è la correlazione con i libri precedenti. Si capisce che dietro questa saga c'è stato un lavoro grosso, studiato, curato e deciso a priori. Ogni cosa che capita ha un suo perché ed è ricollegabile a qualcosa di letto in precedenza. Adoro quando è così, mi sembra di dipanare pian piano un qualcosa di molto strutturato. Non c'è un particolare superfluo o irrilevante.
«Perché sei quello che cercavo. Mi fai sentire viva. Mi fai sentire più vicina alla donna che vorrei essere.»
Libro dal finale epico, quasi cinematografico, regala proprio un senso di chiusura. Anche per la parte romance. Se posso fare un appunto però è proprio qui. Io che sono una persona acida e un po' cinica ho storto il naso di fronte al completamento perfetto di ogni rapporto. Mi è sembrato un grande puzzle che viene terminato, con ogni tassello che si incastra al posto giusto. E cosa c'è di male in questo? Mi è mancata la parte drammatica, quel particolare che fa soffrire, è tutto troppo perfetto (te l'ho detto Monica, volevo il morto!). Credo però che questa mancanza sia una cosa mia, da amante del genere come dicevo prima.
Ringrazio però Monica per l'epilogo, per la parte riguardante Dana. Fa ben sperare in uno spin-off futuro, che leggerei anche subito.

Un finale di saga molto solenne, con una forte componente romance e di azione, che fa palpitare il cuore e trattenere il fiato. Sento già un po' la mancanza del gruppo, soprattutto del mio preferito Luke, che incarna tutto ciò che adoro nei personaggi librosi.
Vi consiglio questa serie, soprattutto se non siete avvezzi al genere. Non è così specifico, ma di sicuro saprà coinvolgervi e pure tanto.
Voto:


9 commenti:

  1. Grazie Chiara per avermi seguito in questo viaggio! Sono felice che tu ti sia divertita :)
    Ma sei crudele più di Crudelia, posso dirlo??? ;)
    Un abbraccio e a presto!
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono super crudele! Ma vero che non ci lasci qui, che poi torniamo ancora in questo mondo? Già mi manca

      Elimina
    2. Ne sono felice!
      C'era una nota in fondo ai ringraziamenti, che purtroppo nei primi ebook che sono circolati erano "nascosti". Ora sono stati sbloccati, ma in ogni caso li ho postati nel gruppo Mike Summers and friends. Perché io vorrei proprio vedere Dana giovane adulta, e ci sono un altro paio di personaggi che hanno ancora tanto da dire e da dare (Mathias su tutti) ma chiedevo anche a voi :)

      Elimina
    3. L'ho vista nel gruppo e non vedo l'ora! Io la leggerò

      Elimina
  2. Per me questa serie è quella in cui Monica si è superata: già da Free ho sentito un coinvolgimento incredibile sia per la storia che per i personaggi, le cui emozioni mi arrivavano in maniera straordinaria.Speriamo che non sia un finale definitivo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa serie è qualcosa di unico, davvero. E no, non può essere un finale definitivo

      Elimina
    2. Grazie di cuore a entrambe <3

      Elimina
  3. Aspettavo questa tua recensione, e concordo su tutto, tranne... ma davvero volevi il morto??? Sadicaaaa. Noooo, va bene così, è perfetto così, dopo tutte le (dis)avventure che hanno vissuto, una gioia ci voleva ;P E i cattivi hanno raccolto ciò che hanno seminato...
    Sicuramente non vedo l'ora di leggere di Dana adulta e magari ritrovare tutti gli altri, Rave e Luke per primi, ma anche Free... insomma, tutti, sono ingorda ihihih XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha non voglio necessariamente il morto (anche se per me in questo genere è quasi d'obbligo), ma mi ha destabilizzato la perfezione finale, non so se mi spiego senza fare spoiler.
      Sono veramente curiosa per Dana

      Elimina