sabato 8 ottobre 2016

Recensione "Schegge di me" di Tahereh Mafi

Ciao a tutti, con immensa gioia ho scoperto che verranno pubblicati i seguiti di questa serie, che avevamo già dato per interrotta. Dire che sono felice è minimizzare. Vi avevo fatto conoscere l'inizio di questo libro (qui il post), adesso vi lascio il mio pensiero.



Autrice: Tahereh Mafi
Titolo: Schegge di me. Io ho una maledizione, io ho un dono (ora Shatter me)
Editore: Rizzoli
Data di pubblicazione: 2 maggio 2012
Pagine: 365
Serie: Shatter me #1

Trama:
264 giorni chiusa in una cella, senza contatti con il mondo, perché Juliette ha un potere terribile: se tocca una persona può ucciderla. A tenerla prigioniera è la Restaurazione, un gruppo militare che intende usarla come arma.
Scappare è impensabile, finché nella cella di Juliette entra Adam, un soldato semplice che scopre di essere immune al suo tocco.
Il loro incontro è la scintilla che accende una speranza, la chiave che potrebbe aprire mille porte.
Perché la vita li chiama, oltre i muri della prigione.



Juliette ha un difetto che la costringe ad isolarsi da tutti: quando tocca una persona ne risucchia l'energia vitale portandola spesso alla morte. E' capitato. I suoi genitori la temono e la considerano un mostro e così viene isolata in un manicomio. Non è il modo normale quello in cui lei vive, infatti la Restaurazione, il movimento che è salito al potere, esercita un regime di dittatura e dispone di tutto, dalle poche risorse alimentari alle armi, l'elettricità. Non esiste libertà personale, è tutto deciso da questo sistema militare. Un dei capi, Warner, appena ragazzo ma già in alto alla gerarchia, vede del potenziale in Juliette, un'arma formidabile e decide di studiarla. Così nella sua cella arriva Adam, una vecchia conoscenza della ragazza, che straordinariamente riesce a toccarla senza conseguenze. Ma tutto è differente da come appare.
Non avrei mai pensato che le cose potessero degenerare fino a questo punto. Non avrei mai pensato che la Restaurazione potesse spingersi tanto in là. Inceneriscono la cultura, la bellezza che risiede nella diversità. I nuovi cittadini del mondo non saranno altro che numeri: facilmente interscambiabili, facilmente rimovibili, facilmente annientabili in caso di disobbedienza. Abbiamo perso ogni umanità.
Ho divorato questo libro, nonostante lo stile dell'autrice non sia così semplice e lineare. Infatti molte frasi sono barrate e subito contraddette e ci sono tante ripetizioni. Il tutto credo sia voluto per comprendere meglio Juliette, che dubita della sua sanità mentale. E' scritto in prima persona dal suo punto di vista e così tutte le emozioni e le angosce sue diventano le nostre. Spesso non l'ho trovato facile, ma comunque molto avvincente. Ho pensato molto a quanto sia fisica la mia vita, a quanto spesso sfioro, accarezzo, abbraccio. Dev'essere assurdo non poterlo fare, soprattutto per una bambina.
L'emozione che traspare di più, ancor più dell'angoscia, è il senso di colpa. Juliette si sente responsabile della sua maledizione e subisce tutto passivamente, quasi fosse un'espiazione. Questa cosa mi ha infastidita non poco. Io avrei visto meglio della sana rabbia, una voglia di rivalsa, la necessità di sfogare. Invece lei è buona, buonissima e subisce tutto accettandolo come penitenza.
"Io non voglio far male a nessuno" 
La trama è molto fitta, l'ambientazione e la sua necessaria spiegazione particolare e accurata. Questa Terra così catastrofica in cui si cerca di sopravvivere è spiegata molto bene.
Ci sono meno alberi rispetto al passato, dicono gli scienziati. Dicono che un tempo il nostro pianeta fosse verde. Che le nuvole fossero bianche. Che il sole irradiasse il giusto tipo di luce. Ma conservo ricordi sbiaditi di quel mondo. Non ricordo granché di ciò che c'era. L'unica vita che conosce è quella che mi è stata concessa. Un'eco di ciò che è stato.
Tutti i personaggi sono ben descritti, anche i secondari. Si vive la storia attraverso Juliette ma un grosso peso hanno anche Warner e Adam. Adam è il classico bravo ragazzo, molto posato e responsabile, con il mondo sulle spalle. Mi è stato antipatico dalla prima riga, so che non dovrei ma io i perfettini così proprio non li reggo. Warner invece è in assoluto il mio preferito. E' il cattivo del libro, ma bisogna capirlo. Ha più bisogno di dimostrazioni di affetto lui di Juliette. E' folle ma ha un senso la sua pazzia, un suo perché. Credo di aver appena scalfito la punta di questo personaggio. 
"Voglio che tu mi scelga" dice. "Voglio che tu scelga di stare con me. Voglio che tu voglia tutto questo..."
Ho apprezzato particolarmente anche Kenji, personaggio che compare verso la fine e che si prospetta molto interessante.
La trama è un continuo susseguirsi di colpi di scena, fa stare col fiato sospeso per tutto il tempo e quando ci si abitua allo stile particolare dell'autrice va avanti velocemente.
Il finale non è così troppo in sospeso ma comunque questo è il primo di una serie e molte cose devono essere ancora svelate. E io non vedo l'ora di scoprirle.
Voi l'avete letto? Lo conoscete? Preferite anche voi Warner a Juliette e Adam? Chi preferite?



18 commenti:

  1. A me questo libro non ha convinto fino in fondo... la fine poi, che sa tanto di X-Men... Comunque sono Team Warner

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutte team Warner evviva! Leggerai i seguiti? In effetti anche a me è venuto in mente x-men ma non mi ha dato fastidio

      Elimina
  2. Chiara ciao, questo libro lo avevo già adocchiato, credo che prima o poi lo comprerò!!! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, io ho ancora la versione vecchia, hanno rifatto tutto con le cover nuove. Adesso non vedo l'ora di leggere i seguiti

      Elimina
  3. Anni fa, quando ho letto questo libro me ne sono completamente innamorata. Lo stile lo adoro e ti devo dire la verità non mi ha dato alcun problema. Io aspetto Unravel Me a novembre, guarda non ci credo di leggere finalmente il seguito. A me Juliette è piaciuta tanto, povera... ma anche Adam e Warner. Vedremo come si evolverà la vicenda >_<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, invece io ho avuto difficoltà con lo stile, soprattutto all'inizio. Juliette spero si riprenda un po' non mi ha conquistata del tutto ma ci lavorerò! Anche io sono felice che riprendano questa serie!

      Elimina
  4. Ciao Chiara, non conosco questo libro ma penso che non fa il mio caso! Dalle tue parole ho capito che non è il mio genere, quindi questa volta passo ma sono comunque contenta di averlo conosciuto attraverso la tua recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa grazie di aver letto la mia recensione anche se non è il tuo genere, mi fa molto piacere

      Elimina
  5. Oh caspiterina! Risucchia l'energia vitale al semplice tocco? Che vita di... :D
    Ormai sai che non è il mio genere ma, poiché nella vita non si può mai sapere, hai visto mai che un giorno io lo legga!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io la penso come te Anna, non si può mai dire, anche se a occhio non mi sembra proprio adatto ai tuoi gusti. Io invece adoro i distopici, li leggerei tutti

      Elimina
  6. Anch'io mi sono ritrovata a divorare questo libro, anche se nel complesso non mi ha convinto fino in fondo. Ho adorato però lo stile dell'autrice, e comunque leggerò i seguiti per vedere cosa succederà... e soprattutto per scoprirne di più su Warner ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa, io con lo stile ho avuto difficoltà, soprattutto all'inizio poi mi sono abituata e alla fine non mi è dispiaciuto. Warner è anche per me il più complesso e quello di cui vorrei sapere tutto. Leggerai i seguiti? Io non vedo l'ora

      Elimina
  7. Ciao Chiara! Che storia strana, la tua recensione ben argomentata mi chiarisce che non è un genere adatto ai miei gusti, ma capiti a pennello, devo giusto fare un regalo ad un lettore appassionato di fantasy!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cuore, capita proprio al momento giusto, ne sono felice. Tieni presente solo che io ho la versione vecchia. Adesso si chiama Shatter me e ha un'altra cover

      Elimina
  8. Ahahahahah! La penultima domanda cancellata...mi fai morì Chiarè XD:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ihihih, ma l'ho fatto volutamente perché il libro è tutto così, con frasi cancellate...

      Elimina
  9. Ciao Chiara!!
    Lo voglio leggere assolutamente!! Ho solo un dubbio: fa parte di una trilogia? Se si, gli altri libri sono già usciti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jasmine, sì è una trilogia e il secondo dovrebbe uscire questo mese finalmente! L'unica cosa è che hanno cambiato la grafica e questo libro ora si chiama Shatter me, come l'originale. Non vedo l'ora di avere il secondo e sono contenta che non sia più una serie interrotta

      Elimina