giovedì 9 febbraio 2017

Cuori in viaggio - Recensione "Che guaio, San Valentino!" di Rachel Gibson

Ciao! Come anticipato nel post di presentazione (qui) oggi tocca a me presentarvi una recensione per un San Valentino di carta e inchiostro.


Cuori in viaggio è un evento collettivo, in cui ci saranno 28 recensioni, un blog al giorno, per tutto febbraio. Tema: storie d'amore che si svolgono all'estero. La mia scelta è ricaduta su un libro non proprio recentissimo ma che secondo me è proprio l'ideale


Autrice: Rachel Gibson
Titolo: Che guaio, San Valentino!
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 6 giugno 2015
Pagine: 181
Serie: #3 Chinooks Hockey Team
Trama: 
Piantata dal fidanzato e stanca del lavoro, Kate Hamilton, detective privata, decide di recarsi dal nonno a Gospel, Idaho, per riprendersi. È San Valentino, e Kate infrange ogni sua regola personale offrendo una notte di passione all'attraente sconosciuto che incontra in un bar. L'uomo, però, la respinge sdegnato. Umiliata, Kate riprende il viaggio, ma al suo arrivo ha un'amara sorpresa: lo sconosciuto, Rob Sutter, ex giocatore di hockey, è un amico del nonno e non vuole avere niente a che fare con le ragazze facili, dopo la sua ultima tragica esperienza. Anche Rob è sorpreso di vedere in città la donna che ha tentato di sedurlo. Di certo porta guai: peccato che lui abbia un debole proprio per quel tipo di guai...



Questo è il libro ideale da leggere in questo periodo, carino, divertente e molto scorrevole. Che io ami l'hockey non è un mistero, tutti i romance sportivi sono sempre ben accetti, ma di questo sport in modo particolare, seguendolo con mio figlio. 
Parto col dire subito che è il terzo di una serie ma può tranquillamente essere letto da solo, non ci sono riferimenti o spoiler. Il comun denominatore è la squadra sportiva e basta.
Kate è amareggiata, ha scoperto che il suo lavoro ha contribuito in qualche maniera a far succedere una cosa tremenda, in più il suo ex, allergico ai legami insieme a lei, si sposa poi subito con un'altra. Decide allora di cambiare vita, iniziando proprio dal luogo in cui vivere e con la scusa di aiutare il nonno si trasferisce in un paesino dell'Idaho, Gospel, in cui l'attività preferita è il pettegolezzo.
Quell'annuncio le aveva spezzato il cuore e le aveva confermato una verità che non poteva più ignorare. In lei c'era qualcosa di sbagliato. 
Cosa si può fare se una donna ti rovina la carriera e ti fa rischiare la vita? Semplice, si rinuncia totalmente al gentil sesso, in ogni senso. E' questo il mantra di Rob, che ha deciso di ricominciare proprio a Gospel, aprendo un negozio di articoli sportivi e dedicandosi alla pesca.
Il primo incontro fra i due è già uno spasso, un fraintendimento dietro l'altro e la speranza di Kate di non rivedere mai più Rob è vana, in quanto il negozio del nonno è il suo dirimpettaio. E fra un battibecco e l'altro, una risata e una presa in giro, l'attrazione iniziale si trasforma in qualcosa di più, ma Rob sarà pronto a lasciarsi il passato alle spalle? Oppure Kate sarà disposta a lasciare perdere le sue esigenze per andare incontro a lui?
Forse gli uomini di Gospel avevano ragione riguardo a Kate Hamilton. Era proprio una rompiballe.
Questa è la classica storia ideale per staccare, che permette di sognare e fa fare qualche risata. Lo stile dell'autrice è molto coinvolgente e scorrevole, si legge in un soffio.
L'ambientazione è da film americano, questo paesino che in bassa stagione ospita solo personaggi particolari, tutti curiosi e pettegoli. Con una natura meravigliosa.
I personaggi sono ben caratterizzati, un po' stereotipati ma non stonano. E' un romance e c'è bisogno di qualche caratteristica tipica. 
La storia è abbastanza prevedibile, nonostante tutto però sono rimasta incollata alle pagine fino alla fine facendo il tifo per loro.
Come dicevo prima è la lettura ideale per San Valentino, romantica al punto giusto senza essere eccessiva ma con il finale che fa sospirare.
E ora la frase che più mi è piaciuta:
Aveva detto così. Se una ragazza voleva un uomo che la facesse sognare, Rob Sutter era proprio l'ideale


20 commenti:

  1. Uuh magari lo leggo anch'io in questo periodo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazia secondo me è proprio l'ideale!

      Elimina
  2. Sembra proprio una lettura leggera e simpatica

    RispondiElimina
  3. Ciao Chiara, sembra proprio una lettura carina e divertente. E non troppo sdolcinata, proprio come piace a me. Segno subito il titolo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava Maria, non è sdolcinato è più litigarello

      Elimina
  4. L'ho letto qualche tempo fa...molto molto carino :)

    RispondiElimina
  5. Oh ... Non l'ho mai sentito ma mi sa proprio che lo cercherò e leggerò <3

    RispondiElimina
  6. Sembra interessante :D Lo considererò per una lettura futura ;)

    RispondiElimina
  7. Sembra avere le caratteristiche della classica storia da San Valentino. Ottima per questo periodo. Lo metterò in WL.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me è proprio l'ideale per questo periodo

      Elimina
  8. Carinissimo, mi piace tanto anche se il tuo voto mi fa pensare un attimo.
    Comunque adoro anch'io questo tipo di storie, sopratutto se sportive. E questo Rob mi sembra un bel tipo ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un libro molto adatto a questi giorni, ideale per staccare un po'. Ho un debole per i romance sportivi

      Elimina
  9. Aaaahhhh quindi hai scelto questo!! Incuriosì anche me appena uscì :)

    RispondiElimina