martedì 21 marzo 2017

Recensione "Non andare via" di Sharla Lovelace

Vi lascio il mio pensiero, scritto già da un po', su una lettura che mi ha piacevolmente stupita!

Autrice: Sharla Lovelace
Titolo: Non andare via
Editore: Newton Compton Editori
Data di pubblicazione: 8 agosto 2016
Pagine: 337

Trama:
Noah Ryan e Jules Doucette stanno insieme da sempre, prima come migliori amici di infanzia, poi come giovani amanti. Hanno programmato tutto il loro futuro, ma un’incredibile decisione finisce per separarli. 
Ventisei anni dopo, Jules sta vivendo la vita che qualcun altro ha pensato per lei. Gestisce il negozio di sua madre, vive in casa sua, segue le sue regole e tiene i segreti che lei le ha fatto seppellire. 
Poi Noah torna a casa, e porta il caos. Il suo ritorno fa molto di più che risvegliare vecchi ricordi: costringe anche Jules a guardare la sua vita con occhi nuovi e scoprire segreti di cui non sospettava l’esistenza. Ma il potere del vero amore può trionfare su anni di dolore e bugie?


Mi preme dirvi questo: non guardate la cover! Questo è il classico esempio di titolo, cover e trama fuorvianti. Non siamo di fronte al classico amore tra ragazzi adolescenti o poco più, non si tratta nemmeno del classico libro d'amore. E' un romanzo che parla di scelte, di come queste possono cambiarti la vita, di come a volte sono gli altri che lo fanno per noi. E di come per fortuna qualche volta c'è anche una seconda occasione.
Che vita stavo vivendo? La mia o quella di mia madre? 
Per ribadire il concetto voglio dirvi che i protagonisti hanno 43 anni. Quindi non sono ragazzini ai primi amori o pieni di problemi. E' narrato in prima persona da Jules che vive in un paesino nel Texas, dove ha sempre vissuto, abita nella casa dei genitori e gestisce la libreria della madre. Separata, ha una figlia diciassettenne che le da non pochi pensieri e ormai quasi non pensa più al fatto che vive una vita che non voleva, che ha accantonato tutti i sogni e desideri, in onore di ciò che è giusto. Ma sua madre aveva ragione su questo? Cosa è realmente meglio per lei? I primi dubbi arrivano con il ritorno dopo ventisei anni di Noah, il suo primo amore.
"Jules...", fece Noah, voltandosi a guardarmi negli occhi per un secondo. In quell'istante  vidi le ultime tracce dei ragazzi che eravamo stati e dell'intensità che aveva caratterizzato la nostra storia.
Mi è piaciuto tantissimo questo libro,avevo letto già qualche commento e quindi sapevo che non era il libro che sembra dalla copertina, ma comunque mi ha stupito lo stesso e in maniera positiva. Jules è una donna normalissima, piena di dubbi e contraddizioni, che cerca di vivere al meglio. Ho adorato anche Becca, la figlia e tutti i loro scontri. Le situazioni sono le stesse di chiunque abbia un adolescente in casa, piene di litigi e incomprensioni. Proprio questo rapporto per me è stato importante, mi sono ritrovata in Jules, sia in qualità di madre che di figlia. Infatti, anche se morta, la madre di Jules ha un peso importante. Le dinamiche familiari, non sempre idilliache, hanno reso questo libro più ricco, trasformandolo in un romanzo assolutamente non frivolo. 
Il mio mondo, strutturato con estrema cura, stava tremando. Altro che tremando, stava proprio oscillando come un dannato lazo.
C'è un fatto del passato che viene svelato in fretta e che si evolve, facendoti sperare insieme ai protagonisti.
E poi c'è anche la storia d'amore, ma quello con la A maiuscola. Noah è tormentato e arrabbiato, anche lui si fa amare e perdonare da noi lettori. Anche lui sbaglia e chiede scusa. E, nonostante il suo fascino, rientra nella normalità delle persone, con pregi e difetti.
Consiglio questo libro, è ben scritto (nonostante i refusi), profondo e coinvolgente e molto di più di quel che sembra.
Vi ho incuriosito? Spero di sì, merita proprio.


12 commenti:

  1. Bellissimo questo romance... uno dei più belli e romanticosi letti nel 2016... ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. verissimo! E' romantico e profondo, mi ha colpita

      Elimina
  2. Non conoscevo questo romanzo Chiara perchè mi sono lasciata un pò furviare dalla trama. Ma che brutta cosa quando cover e trama non centrano niente, me lo segno subito perchè potrebbe proprio piacermi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la trama, oltre la cover, è veramente fuorviante! Secondo me a te piacerebbe un sacco!

      Elimina
  3. Concordo. Anche a me era piaciuto tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. proprio bello, ricordo la tua recensione

      Elimina
  4. Non conoscevo il libro ma la trama mi ha incuriosito, e la tua recensione mi ha fatto venire voglia di leggerlo!
    Lo metto subito in lista! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero proprio che ti piacerà, io l'ho adorato ed è stata una magnifica sorpresa

      Elimina
  5. Cosa?? 43 anni?? Ma si rendono conto delle copertine che vanno pubblicando quelli della CE?! Chiarè, mi hai incuriosito un sacco, lo aggiungo subito tra i libri che voglio leggere presto. Mi piace, mi piace tanto. Bella recensione e bella storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vì. In questo caso proprio non capisco la CE. La cover rimanda a un new adult, il libro è tutt'altro, trovo questa cosa autolesionista

      Elimina
  6. La cover più fuorviante della storia XD solo la Newton può raggiungere questi livelli!

    RispondiElimina