mercoledì 12 settembre 2018

Blogtour "La teoria imperfetta dell'amore" di Julie Buxbaum - Recensione

Buongiorno a tutti, oggi come conclusione del blogtour di presentazione del libro, troverete sui vari blog partecipanti la recensione. Ringrazio la casa editrice per la copia digitale.


Spero abbiate seguito le varie tappe, la mia la trovate qui.

Autrice: Julie Buxbaum
Titolo: La teoria imperfetta dell'amore
Editore: DeA Planeta Libri
Data di pubblicazione: 4 settembre 2018
Pagine: 380

Trama:
E se amore e amicizia fossero due risultati diversi della stessa equazione? 
A volte basta cambiare prospettiva per dare senso al mondo. Da quando suo padre è morto in un incidente d’auto, Kit non è più la stessa. Non ha più voglia di ridere, scherzare o confidarsi con le amiche di sempre. L’unica cosa che desidera è chiudere fuori il mondo intero e voltare pagina. Per questo decide di lasciare il tavolo affollato a cui si siede ogni giorno in mensa e prendere posto a quello di David. David, che gira per i corridoi della scuola con le cuffie nelle orecchie e non parla con nessuno. David, che è un genio della fisica ma quando si agita trema come una foglia. I due non potrebbero essere più diversi, ma lentamente quei pranzi in solitudine diventano un appuntamento fisso, atteso, e tra sguardi e parole sussurrate, Kit e David imparano a essere amici. Forse qualcosa di più. Fino a quando David decide di aiutare Kit a ricostruire che cosa è successo il giorno in cui suo padre è morto. Perché David non sopporta le questioni irrisolte, non sopporta le equazioni lasciate a metà. E farebbe di tutto per ricomporre i pezzi del cuore infranto di Kit. Ma il sentimento che li lega sarà abbastanza forte per resistere alla verità?
Dall’autrice bestseller di Dimmi tre segreti, un romanzo che esplora la complessità della vita e della morte con una penna leggera e commovente.

Questo libro parla di Kit e David, di come la loro amicizia sia nata nel momento giusto, di come a volte una persona vicina faccia la differenza. Essersi trovati e riconosciuti, essere diventati amici o forse persino qualcosa di più ha aiutato entrambi a superare un periodo difficile. Kit ha appena perso il padre e deve elaborarne il lutto, David rientra nella vasta casistica di persone affette da sindrome da spettro autistico, ad alta potenzialità o forse Asperger, ed è socialmente al margine, vittima di bullismo. Ma a volte si ha bisogno di cambiare e per farlo serve la spinta che la persona giusta può dare.
Nessuno qui capisce cosa sto passando. E come potrebbero? Non lo capisco nemmeno io.
Considerato il mio bagaglio familiare ho sempre timore con queste letture, paura che la malattia venga presentata in maniera sbagliata, che venga strumentalizzata per far funzionare altro.
Inoltre non conoscevo l'autrice, ma ho accettato di partecipare a questo blogtour perché me l'ha chiesto un'amica di cui mi fido. A lettura ultimata posso solo dire grazie a Ely, perché senza il suo intervento mi sarei forse persa questa storia che è un piccolo gioiellino.

La primissima cosa che tengo a dire è che questo libro ha basi reali. L'autrice (chapeau davvero) si è documentata moltissimo e ha presentato il personaggio di David in maniera assolutamente veritiera. Non è esagerato o stereotipato, è come potrebbe essere benissimo mio figlio fra qualche anno, caratteristiche diverse permettendo. Viene presentato lo spettro autistico ad alto funzionamento come potrebbe essere, specificando anche molto bene, che ogni caso è a sé, con le proprie prerogative.
C'è una famosa citazione che dice che sei hai incontrato una persona con autismo... hai incontrato UNA persona con autismo. Tu hai incontrato me. Semplicemente me. Non una diagnosi.
Mi ha colpito moltissimo, mi ha fatto male e bene, ho letto il libro con lo stomaco attorcigliato e mi sono stupita di non trovare riferimenti personali dell'autrice nelle note, talmente ha approfondito bene l'argomento.

Quindi con David sono entrata in sintonia da subito, ho vissuto con lui tutte le emozioni provate, tutta la frustrazione per le ingiustizie subite e per ciò che non riesce a essere, normale. Ma cos'è la normalità? Chi l'ha detto che deve per forza essere più giusta? Su questo la storia fa riflettere molto, anche se pone le questioni rispettando il target del fruitore, adatto quindi anche ai ragazzi.
Sono a chilometri di distanza dal Normale - non vivrò mai nello stesso paese dei Normali e neanche lo voglio per forza - ma mi sto avvicinando un pochino. Sono un rifugiato sul confine dei Normali.
Con Kit anche è facile provare empatia, ringraziando il cielo non ho provato la sua esperienza ma è talmente ben descritta l'elaborazione del lutto che è impossibile non affezionarsi. 

Il romanzo affronta diverse tematiche forti, che si intrecciano l'un l'altra: diversità, lutto, bullismo, emarginazione, discriminazione, razzismo, accettazione, amicizia. Mi è piaciuto inoltre che la storia d'amore sia molto al margine, non così fondamentale ma come trasformazione da amicizia in qualcosa di diverso, in linea con l'età dei protagonisti. Non è quindi un romance, ma il sentimento è parte del tutto.
La verità è che per me David non era reale finché non lo è diventato.
L'autrice ha uno stile che mi ha conquistata (ho subito comprato il libro precedente), semplice, scorrevole, affronta con dignità argomenti spinosi e non cade né nel buonismo eccessivo né nei luoghi comuni. 

Mi sono emozionata molto leggendolo, ho sofferto con i protagonisti, mi sono arrabbiata con la scuola, con i compagni, con la società ma ho anche capito ciò che voleva trasmettere. Mai giudicare dalle apparenze.

Libro bellissimo che consiglio a tutti, ragazzi e non, anche per capire che spesso essere diversi vuol dire essere speciali e che si può cambiare e maturare. E perdonare.
Voto:

Passate anche dagli altri blog a leggere le varie opinioni. E se potete leggete questo libro, merita e lascia buoni insegnamenti.






32 commenti:

  1. Devo assolutamente prenderlooohhh!

    RispondiElimina
  2. Ok. Io questo libro lo avevo snobbato (non picchiarmi!!), mi hai fatto cambiare idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. male, molto molto molto male! Ora puoi solo rimediare

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Libro bellissimo che ha tanto da insegnare :)
    Anche per me è stato un 5/5 pieno e, sinceramente, non mi sarei mai aspettata il fatto che questo romanzo mi avrebbe colpita così tanto

    PS: Bellissima recensione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Eleonora, anche io non credevo fosse così stupendo e che insegnasse così tanto e in maniera così semplice

      Elimina
  5. Come sempre le tue recensioni ci regalano una finestra sul libro molto speciale e mentre leggevo questa in particolare mi è venuta subito voglia di leggerlo.
    Con te la lista dei libri da leggere diventerà infinita!
    Grazie.
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca, la lista si allunga sempre più ma questo libro non puoi fartelo sfuggire

      Elimina
  6. Una recensione scritta con il cuore. Non vedo l'ora di leggerlo.

    RispondiElimina
  7. Libro davvero molto bello ed emozionante

    RispondiElimina
  8. Belle parole Chiara sentite si vede che questo libro ti ha coninvolta nel profondo ed è bellissimo perchè non dico ogni lettura ma più o meno tutte dovrebbero fare così, colpirci al cuore. Sono daccordossimo con te questo libro va proprio letto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Susy. Questo libro mi ha proprio colpita tanto

      Elimina
  9. Questo libro è semplicemente meraviglioso e sono proprio convinta che tutti dovrebbero darli una possibilità.

    RispondiElimina
  10. Una recensione scritta davvero con il cuore Chiara, bellissima come sempre anzi forse oggi ancora di più! <3 Grazie ancora per aver partecipato, è sempre un grandissimo piacere lavorare con te <3

    RispondiElimina
  11. Che recensione meravigliosa per un libro meraviglioso!

    RispondiElimina
  12. Chiara dalle tue parole si nota chiaramente che hai messo il cuore per scrivere questa recensione. Davvero bellissima ❤

    RispondiElimina
  13. In base a quanto avevo letto nell'altro post, mi aspettavo una bella recensione ma questa è fantastica!!! Triplo wow!! *_*

    RispondiElimina
  14. Io sono sempre diffidente verso questo tipo di libri perché, come dici tu, è facile che la malattia "venga strumentalizzata per far funzionare altro". Ma in questo caso, oltre a fidarmi di te e del tuo giudizio, questo libro mi ispira a pelle. Trama e copertina belle e la tua recensione ha fatto il resto, quindi lo leggo di sicuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maria mi fa molto piacere e se posso te lo consiglio proprio questo, tu lo apprezzeresti

      Elimina
  15. Bellissima recensione. Mi ha davvero commosso questo libro. Ha toccato argomenti molto delicati con bravura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio un libro che scava dentro, grazie Angeltany

      Elimina
  16. Comandante grazie per avermi "incastrata" col blog tour ho amato tantissimo questa storia

    RispondiElimina