venerdì 8 febbraio 2019

I pensierini - Gennaio

Buongiorno lettori, ecco i pensierini di gennaio, le letture fatte e non recensite.




"Come domare un principe" di Miss Black
Avevo bisogno di un libro coccola, di un titolo da adorare magari pure scorrevole. Miss Black per me è sempre una garanzia. Ho amato tantissimo questa storia anche soprattutto per ciò che maggiormente caratterizza i suoi lavori: i personaggi imperfetti e l'assenza di giudizio. Bisogna avere la mente aperta per leggerla e apprezzarla e ogni volta mi sento a casa, riesce a coinvolgermi completamente.
La particolarità di questo titolo è il protagonista, il suo essere arabo in America, le sue convinzioni e le sue ideologie. Nell'assenza totale di buonismo emergono contraddizioni e difetti ma anche pregi, come è giusto che sia. Impossibile non innamorarsi un po' di Rashid.
Polly poi è fantastica, l'ho amata dalla prima all'ultima riga. 
Un'altra cosa che ci tengo a sottolineare è la cura dei dettagli e la ricerca dei dati veritieri. Trovo che negli ultimi suoi lavori questo aspetto sia maggiormente curato.
Voto:




"Cosa ho fatto per amore" di Susan Elizabeth Phillips
 La SEP per me è sempre una garanzia, non solo per il suo stile di scrittura, proprio per la struttura del libro che mi appresto a leggere. So cosa aspettarmi, ha un suo schema e, anche se può sembrare ripetitivo, per me è appunto una garanzia, un sapere a cosa si va incontro.
La storia è molto carina, racconta le (dis)avventure di Georgie, ex bambina prodigio di programmi televisivi che ha subito uno scossone dalla vita: suo marito l'ha lasciata per un'altra e aspetta un figlio da lei. Essendo tutti attori famosi deve convivere con l'imbarazzo ricordato costantemente dai paparazzi, non aiutata dal padre/manager che sembra pensare solo alla sua carriera. In tutto questo, per colpa (o merito) di Las Vegas si troverà legata proprio al suo acerrimo nemico, il suo ex collega Bram.
Commedia divertente e molto leggera, nel senso positivo del termine. Ideale per staccare la spina e da intervallare a letture impegnative, il suo stile è una ventata d'aria fresca, allegro e scorrevole.
Mi è piaciuto molto il tema trattato, le aspettative degli altri che influiscono sui nostri sogni, il tutto legato al mondo del Jet Set, con vizi e virtù.
Importante per l'autrice sono sempre i legami familiari e anche qui non mancano, soprattutto per quanto riguarda il rapporto padre/figlia.
La caratterizzazione dei personaggi è il punto di forza maggiore, la SEP riuscirebbe a farti amare anche un dittatore. Riesce a farteli apprezzare proprio per i loro difetti, partendo da essi. Anche questa volta è stato così e io sono innamorata di Bram. Georgie mi è piaciuta anche se per i miei gusti veramente troppo buona.
Ho divorato questo libro, complice anche una notte insonne, ma non riuscivo proprio a staccarmi dal kindle, dovevo leggere.
In tipico stile SEP ci sono più storie, una principale e due secondarie, che si intrecciano magistralmente. Ho adorato il fatto che nonostante sia un libro autoconclusivo ci siano accenni a personaggi già trovati altre volte, adoro questa cosa.
Mi ha fatto bene leggere questo libro, mi ha tirato su il morale nel momento del bisogno e l'autrice è sempre la regina del romance, quello che piace a me.
Voto:





"Un meraviglioso imprevisto" di Aurora Rose Reynolds
Cercavo qualcosa di leggero, che mi permettesse di evadere e questo libro è proprio l'ideale. La trama è forse già vista, ma la narrazione allegra ne permette una lettura veloce e coinvolgente. Alcune situazioni sono al limite dell'assurdo, così come diverse caratteristiche dei personaggi, ma nell'insieme funziona, ha soddisfatto le mie aspettative. Mi ha ricordato per certi versi la Ashley e ne sono stata rapita tanto da finirlo in un giorno.
Ottima compagnia per una giornata di svago, per una storia inverosimile ma coinvolgente.
Troppi errori però, l'italiano è stato bistrattato dall'inizio alla fine, peccato.
La parte più investigativa, più di mistero sarebbe da rivedere, è veramente assurda. Invece quella romance mi ha proprio soddisfatta.
Voto:



"Il mio sbaglio perfetto" di Aurora Rose Reynolds
Ho letto questo libro subito dopo il primo ed è stato un errore. Un meraviglioso imprevisto mi ha divertita e rallegrata, nonostante le situazioni assurde, invece questo mi ha annoiata e infastidita. Forse è troppo simile al precedente (non ho trovato grosse differenze fra Asher e Trevor), forse la parte di scoperta della famiglia Mayson del primo qui è mancata, forse Liz rispetto a November è più fastidiosa, fatto sta che non mi è piaciuto. Lo stile è sempre scorrevole ma mi sono annoiata anche perché le parti più hot sono decisamente troppe, non ne potevo più. Mi ha fatto passare la voglia di proseguire la serie, nonostante abbia anche il terzo.
Voto:




"The abbandoned" di Amanda Stevens
Questo è il prequel di una serie che sono curiosa di leggere ma anche una sorta di spin-off in quanto la protagonista della serie, Amelia Grey, compare come personaggio secondario.
Devo dire che se non mi avessero parlato così tanto bene della saga mi sarebbe passata la voglia di cominciarla perché questo racconto non ha stuzzicato la mia curiosità. Fantasmi, paranormale tutto gestito bene ma in maniera per me fredda, non sono riuscita ad appassionarmi.
Un racconto che fa entrare nella giusta atmosfera, che io però avrei preferito più appassionante.
Il finale però è d'effetto e rivaluta l'insieme.
Spero che la Signora dei cimiteri possa appassionarmi maggiormente.
Voto:





Conoscete? Concordate?


13 commenti:

  1. La serie di Amanda Stevens la lessi tanti anni fa. Alla fine non è male

    RispondiElimina
    Risposte
    1. voglio leggere The Restorer per L'angolo vintage, sono molto curiosa

      Elimina
  2. ammetto di non averne letto nessuno, e per ora con tutti i miei arretrati dubito di riuscire a leggerli. ma quella miss black mi ispira proprio ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io la adoro, da tanto. Li leggo tutti i suoi e li compro subito appena escono. Ha uno stile e un'impronta adatti a me

      Elimina
  3. Sì la signora dei cimiteri la devi assolutamente leggere,è un'altra cosa rispetto a questo prequel!

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. La Sep e la Black devo recuperarle…. invece la Reynolds non mi ispira per nulla..Invece La signora dei cimiteri mi è piaciuta moltissimo, ho letto tutti i libri pubblicati..e a questo riguardo sappi che manca la pubblicazione dell'ultimo libro e che non è in programma a breve...ho chiesto alla CE (GRRRRRRR CHE NERVI!!!!!)

    RispondiElimina
  6. Wow, Chiara, quante belle letture! Ho anch'io il primo volume della signora dei cimiteri, ma purtroppo non ho proseguito la serie e del primo non ricordo quasi niente. Quest'anno però mi piacerebbe rileggerlo, e vedere se la lettura dei volumi successivi può o meno piacermi :)

    RispondiElimina
  7. Uhm... non ne conosco neanche uno.

    RispondiElimina