lunedì 13 settembre 2021

Recensione "Senza nuvole" di Alice Oseman


Autrice: Alice Oseman
Titolo: Senza nuvole
Editore: Newton Compton
Data di pubblicazione: 5 marzo 2015
Pagine: 287

Trama:
Nel caso ve lo chiediate, questa non è una storia d'amore...
Il mio nome è Tori Spring. Mi piace dormire e mi piacciono i blog. L’anno scorso avevo degli amici. Prima che succedesse tutto quel casino con mio fratello, prima di dover affrontare la dura realtà dei miei voti e delle domande per l’iscrizione all’università e prima di rendermi conto che avrei dovuto iniziare a parlare con la gente… Le cose erano molto diverse, credo. Ma adesso è tutto finito. Ora c’è qualcuno che si firma Solitaire che sta cercando di terrorizzare tutta la scuola con strani messaggi e minacce. E, a dire la verità, ci sta riuscendo anche bene!
E poi c’è quello nuovo, un certo Michael. Sì, ok, è dolce e sensibile, ma perché mi sta così addosso? Nessuno ha detto che non sia carino e so che molte ragazze in classe lo trovano anche sexy. Ma non io. A me non interessano le storie d’amore e detesto i mielosi romanzi della Austen.
Ma con tutta questa confusione ho davvero paura di non capirci più nulla…
 


Ho letto questo libro insieme a Chicca e Dolci (che me l’ha pure regalato: grazie!), in un mini gruppo di lettura. Ero curiosa di leggere altro della Oseman, dopo averla tanto tanto adorata in Heartstopper e proprio a questi è collegato Senza nuvole, in quanto la protagonista è Tori, la sorella maggiore di Charlie.

Alice Oseman ha scritto prima Senza nuvole, in età giovanissima fra l’altro, e poi ha deciso di regalarci anche la storia di Charlie attraverso le graphic novels (grazie).

Da madre di due adolescenti quante volte mi sono sentita rispondere alla domanda “Che cos’hai?” un bel “Niente!”, quando invece è evidente che ci sia tutto un mondo di lavorio mentale. La partenza di Senza nuvole è proprio questa, la spiegazione di quegli atteggiamenti, spesso insopportabili, che però gli adolescenti a volte esibiscono come grido di aiuto, spesso senza neanche saperlo. Attraverso Senza nuvole si entra quindi proprio nella testa di una ragazza di 17 anni, che ragiona da adolescente, che non è felice, non è soddisfatta, che non riesce a fare niente per cambiare e che non sa neanche definire il suo malessere.

Il disclaimer sulla cover (Non è una storia d’amore), è proprio azzeccatissimo, questo libro è una botta nello stomaco, è introspettivo e ha dei tratti sociologici. L’autrice, che ripeto qui essere giovanissima, è riuscita a fornire uno spaccato di ciò che provano i ragazzi a quell’età, facendo provare al lettore una vasta gamma di sensazioni, positive e negative.

Ammetto che sono partita subito male, ho detestato Tori, che all’inizio risulta proprio insopportabile per la sua insofferenza, per la sua apatia. La grandezza della Oseman è proprio essere riuscita a farmi capire il perché di certi atteggiamenti e farmi provare una forte, fortissima empatia.

Non è un libro semplice, tratta tematiche molto importanti e di un certo peso, ma è decisamente coinvolgente. I capitoli sono brevi, ho fatto fatica a fermarmi, l’avrei bruciato, ma ho fatto bene a elaboralo insieme alle mie socie, a scandagliarne i significati.

È stata una lettura intensa, profonda, che mi ha scosso molto in quanto madre, che mi ha fatto provare emozioni che avevo dimenticato, che mi ha fatto riflettere tantissimo e guardare più in profondità a certi atteggiamenti che trovo fastidiosi.

Si sente che questo è il primo lavoro dell’autrice, in certe cose l’ho trovato acerbo, come per esempio nell’esporre la questione amicizia, ma tanto di cappello a una ragazzina che è riuscita a scrivere questa storia in questo modo. La mia ammirazione nei suoi confronti è aumentata.

Consiglio questo libro ai ragazzi, aiuta a capire certe emozioni, per lo stesso motivo, però, lo consiglio tanto anche a genitori ed educatori.
Voto: 4.5*


Conoscete questa autrice?



3 commenti:

  1. Ciao Chiara! Questo è un romanzo che dovrei proprio mettere in wishlist, soprattutto perché ho lavorato più volte con gli adolescenti per via delle supplenze :-)

    RispondiElimina
  2. Sembra molto educativo, ottima recensione, grazie

    RispondiElimina
  3. L'ho presto anch'io questo libro, complice uno scambio libroso, spinta dal suo stesso motivo cioè Heartstopper ma non l'ho ancora letto per mancanza di tempo e ora dopo la tua recensione sono molto curiosa

    RispondiElimina