venerdì 23 novembre 2018

Recensione "Le Reginette" di Clémentine Beauvais - Perché te lo dico io #9

Buongiorno lettori, dopo tre mesi io e Lea del blog Due lettrici quasi perfette torniamo con questa rubrica, che personalmente adoro e ho trascurato troppo.



E' un'idea che è nata parlando della nostra passione comune: i libri di narrativa per ragazzi. Ogni volta una di noi consiglierà all'altra un titolo, spiegando il perché di quella scelta e ci sarà la recensione. La cadenza sarà del tutto casuale perché noi due in fondo ci sentiamo ancora adolescenti e quindi pubblicheremo quando ci pare e piace!

Lea mi ha consigliato questo libro dicendo:

le Reginette mi è piaciuto moltissimo per l'ironia, l'intelligenza unita ad una certa maleducazione. In questo libro si parla di bullismo e di cyberbullismo e del semplice fatto di essere brutte in una società in cui l'immagine è al primo posto. Superconsigliato.

Autrice: Clémentine Beauvais
Titolo: Le Reginette
Editore: Rizzoli
Data di pubblicazione: 26 giugno 2018
Pagine: 292

Trama: 
Premiate su Facebook come le tre ragazze più brutte della scuola, Mireille, Astrid e Hakima non perdono tempo a piangerci sopra. Meglio inforcare le biciclette e partire, destinazione Parigi, dove hanno tutta l'intenzione, ciascuna armata di valido motivo, di imbucarsi alla festa che ogni 14 luglio si tiene all'Eliseo. A mano a mano che la notizia del loro viaggio si diffonde, le tre ragazze sono accolte con grande entusiasmo nei paesi in cui si fermano e diventano delle vere e proprie reginette dei social media e della televisione, al punto da ricevere invito formale niente meno che dal Presidente in persona…


Devo ringraziare Lea anche per un'altra cosa, finalmente ho capito un libro francese, e mi è pure piaciuto! Di solito sono super scettica e finisco per non leggere gli autori francesi, è una taratura mia. In questo caso invece è stato feeling a prima riga, quindi grazie Lea, smetterò di snobbarli d'ora in poi.

La trama del libro è semplice: tre ragazze che diventano amiche perché accomunate dall'aver vinto il premio Salsicciotto, come le più brutte della scuola. Proprio grazie a questa spregevole votazione, che sembra non infastidisca nessuno al di fuori di loro e dei loro familiari, scoprono di avere in comune ben di più di un fisico non da copertina e intraprendono un viaggio che le porterà a essere, loro malgrado, decisamente popolari.
"Non capisco perché ci tenete tanto a chiamarvi Salsicciotti!" si secca la mamma. "È una parola orrenda."
"La faremo diventare bella, vedrai. E mal che vada, la faremo diventare potente."
Come ho adorato il messaggio di questo libro, ma tantissimo! E Lea ha fatto benissimo a cercare di divulgarlo nelle scuole, la sua lettura dovrebbe essere obbligatoria per legge.
Il concetto è quello che ripeto quasi giornalmente ai miei figli: se te ne freghi e ignori, il torto perde potere e smette di far male. Facile a dirsi, difficilissimo, quasi impossibile, a farsi, soprattutto nell'adolescenza. Il bullo gode nel veder soffrire la vittima e anche nel vederla reagire con rabbia, mentre non sa come comportarsi di fronte all'indifferenza o addirittura al riderci sopra.
Mireille fa proprio questo, prende la presa in giro, lo scherno e gli toglie il potere, trasformandolo in ironia. E se ci sta male, impossibile non farlo, prova a non pensarci, a renderlo innocuo.

Ho adorato Mireille proprio per il suo coraggio e la voglia di non lasciare che siano gli altri a decidere per te. Agendo così è stata un esempio anche per le amiche.

Bellissimi anche gli scambi con la mamma e in generale i rapporti con le varie famiglie. Una rosa di casistiche che fanno riflettere anche su altri temi oltre il bullismo, tra cui l'immigrazione e il razzismo, l'abbandono, la guerra.

Ma nonostante le tematiche forti resta un libro ideale per i ragazzi, perché lo stile è molto semplice e diretto. Inoltre l'ironia è alla base di tutto e la rende una lettura quasi spensierata. 
Fa riflettere, lascia il segno, ma lo fa con leggerezza e allegria.
Non sono abituata che mi si sorrida. Non sono abituata che mi si chieda come sto. Forse ci si sente così a essere belli.
Credo che dovremmo prendere tutti esempio da Mireille, vivere le cose che ci fanno soffrire come fa lei, con esercizio e metodo, per trasformarle in qualcosa che non fa più male. Io ci proverò.
Voto:

Conoscete questo titolo? 
Siete curiosi di sapere cosa ho fatto leggere a Lea? Trovate il suo post qui.

Alla prossima



14 commenti:

  1. questi sono i titoli che mi piace segnare e proporre alle mie ragazze. brava Lea, brava Chiara.

    RispondiElimina
  2. Come sono felice che ti sia piaciuto! Un po' di Mireille ci vorrebbe in tutte noi. Alla prossima scelta incrociata: mi piace moltissimo leggere i libri che mi consigli perchè rendi più ampi i miei "orizzonti". Baci da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io adoro leggere i tuoi titoli, funziona come cosa!

      Elimina
  3. Ecco. Anche a me è molto piaciuto questo libro, adatto sopratutto ai ragazzi, ma assolutamente godibile. Tratta una tematica molto attuale, che non va sottovalutata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero Baba, tanto attuale e da non sottovalutare. Grazie

      Elimina
  4. Anche a me questo libro è piaciuto molto e credo che, nonostante la sua semplicità, abbia molto da insegnare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti Ele, c'è proprio da imparare, io ci proverò

      Elimina
  5. Avevo già adocchiato questo libro, ma non avevo ancora avuto occasione di leggere una recensione sua... dopo la tua sicuramente lo leggerò! Anche perché a me piacciono molto i libri per ragazzi. Adesso recupero tutti gli altri consigli di questa rubrica :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Meshua, questo te lo consiglio proprio, anche io adoro la narrativa per ragazzi

      Elimina
  6. Mara e Ely mi hanno parlato molto bene di questo libro e le tue parole me lo confermano infatti l'avevo già in lista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Susy, è un libro particolare assolutamente da leggere

      Elimina