giovedì 30 giugno 2016

Recensione "Alta marea a Cape Love" di Viviana Giorgi

Eccomi qui a proporvi una recensione di un libro che definirei estivo, perché ha il suo svolgimento proprio in questi giorni, dal 17 giugno al 4 luglio e anche perché è allegro e divertente.


Autrice: Viviana Giorgi
Titolo: Alta marea a Cape Love
Editore: Emma Books
Data di pubblicazione: 15 luglio 2013
Pagine: 243

Trama:
Gioia, milanese, illustratrice di libri per bambini, è invitata nel piccolo villaggio di Cape Love, sulla costa dorata del Maine, dalla folle e adorata zia Arianna, che la vuole come damigella d’onore alle sue (quinte!) nozze. Anche se zia Ari è sinonimo di guai, Gioia accetta senza sapere che, dopo le strampalate nozze della zia, rimarrà bloccata a Cape Love e dovrà occuparsi dei due cani di zietta (una terranova e un bassotto scatenati), del bookshop di famiglia e del piccolo Jimmy, il figlio del suo nuovo vicino di casa, Sean, uno che farebbe girare la testa anche a una santa. Peccato che Sean abbia già una fidanzata, Grace, tanto bella e famosa quanto detestabile. Se solo zia Ari fosse così gentile da tornarsene a casa sua (che, per la cronaca, è uno stupendo faro sulla scogliera), Gioia potrebbe ripartire per Milano e dimenticare una volta per tutte la notte bollente trascorsa insieme a Sean. O no? La nuova, esilarante commedia romantica dell’autrice di Bang Bang, tutta colpa di un gatto rosso e di Un cuore nella bufera. L'AUTRICE: ex giornalista, milanese, amante dei bassotti e dei gatti rossi, Viviana Giorgi scrive per lo più commedie romantiche contemporanee, più speziate che sfumate, con eroine decise, ma un po’ imbranate e non certo sofisticate, ed eroi gloriosamente da sballo. Tra una romantic comedy e l'altra, ogni tanto si lascia tentare anche dal lato più sorridente e vivace del romance storico, suo primo indimenticato amore.Il lieto fine per Viviana Giorgi? Obbligatorio e altamente glicemico, sia che la sua eroina vesta in jeans o in stile impero. Perché, come ripete spesso: se si deve sognare, meglio farlo alla grande, no?






Lo sapevate che quasi tutti i romanzi di Stephen King sono ambienti nel Maine? Be’, se per quello anche i telefilm di quella menagramo della signora in giallo, Jessica Fletcher, lo sono e la cosa, detto fra noi, mi pare sinistra.

Vi fate mai condizionare da titolo, cover e sinossi? Ho comprato questo e-book nel 2013, appena uscito. Ho letto altro di questa scrittrice, anche dopo, e mi piace il suo stile fluido e scorrevole. Però da questo mi aspettavo il classico romance e non so perché non ho mai avuto voglia di cominciarlo. Complice una challange mi sono finalmente decisa e dico solo che era ora!
Questo libro è divertente e mi ha fatto ridere più di una volta. Era proprio ciò di cui avevo bisogno in questo periodo, una lettura spensierata e allegra.
Gioia vola a Cape Love, paesino nel Maine che sembra uscito da una cartolina anni ’50, per fare da testimone alla zietta acquisita che convola a nozze per l’ennesima volta (e già da qui ho iniziato a ridere perché la descrizione del vestito stile pocahontas è tutta un programma). La cara zietta la incastra e quindi lei rimane a Cape Love a fare da dog sitter, oltre ad aiutare una libraia indipendente prossima al parto e alcune vecchiette, non proprio indifese, che hanno paura di presunte speculazioni edilizie. Gioia, che di suo non ama gli scossoni, rimane folgorata da Sean, vicino di casa fidanzatissimo e colpito a sua volta. Ma fa breccia anche sul vichingo, aitante sindaco biondo. Insomma nel giro di qualche giorno le capitano un sacco di cose che travolgono la sua voglia di calma e serenità. E non dimentichiamoci di Jimmy, bambino di quasi undici anni che coinvolgerà Gioia in molti modi.

C’è l’alta marea a Cape Love. Ho la fredda sensazione che stia per inghiottirmi, accogliente come una culla, pericolosa come un gorgo.

La trama sembra un po’ scontatina? Forse, ma leggerla per me è stato un piacere. Anche perché ha sì i classici elementi romance, ma ho riso come se fosse un chick-lit. Gioia, o Joy come la chiamano Jimmy e Sean, è un concentrato di ironia che ha dato a questa lettura un’impronta diversa.

Distolgo in fretta lo sguardo dalla zona che dovrebbe essere off limits per una signora e lo alzo sino a quando non mi perdo negli occhi di Sean che ancora mi sta fissando come se fossi una fetta di Sacher ricoperta di panna montata. Ansima lui, ansimo io: sembriamo una coppia di asmatici in crisi di astinenza da Ventolin.

Se state cercando un libro per evadere, per staccare e per ridere, qualcosa di leggero ma ben scritto questo è senz’altro il titolo che fa per voi.




12 commenti:

  1. Grazie Chiara! Che bella recensione per Alta Marea a Cape Love! Inattesa, e quindi ancora più gradita.
    Credo che sia la prima volta che tu mi recensisci, quindi sono ancora più felice perché spero che leggerai altri miei romanzi (e che non rimarrai delusa!). Complimenti per il blog, molto accurato e piacevole da leggere.
    Ancora grazie!
    Un abbraccio a te e alle tue lettrici. :)
    Viviana
    ps: Ho sempre dei ps, io.
    Volevo aggiungere che del romanzo esiste una versione cartacea Mondolibri e che è disponibile un racconto spin off gratuito (su tutti gli store) intitolato Ritorno a Cape Love!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Viviana! E' la prima volta che ti recensisco qui, ho recensito Vuoi vedere che è proprio amore sul blog di Floriana, dove collaboro dall'anno scorso (http://labibliotecadellibraio.blogspot.it/2015/06/trame-e-opinioni-vuoi-vedere-che-e.html), ma ti conoscevo, e apprezzavo, già da prima, quando ancora scrivevo le mie opinioni solo su aNobii. Ho scoperto da poco lo spin off e l'ho subito preso, che bello!
      Grazie di essere passata, mi fa molto piacere

      Elimina
    2. Ma certo Chiara, siamo amiche da tempo sul FB. Ricordo perfettamente la tua recensione di Vuoi vedere sul blog dell'amica Floriana! E ti ringrazio ancora.
      Sai, questa tua recensione è così ben fatta e accattivante, che quasi mi hai convinto a rileggere Alta Marea! ;)
      Un abbraccio
      Viviana

      Elimina
    3. ti ringrazio tanto, mi fa molto piacere

      Elimina
  2. Ma che bella rece Chiara! Mi hai trasmesso molto allegria :D immagino quanta deve averne trasmessa a te questa storia:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale, sì molta allegria. Sono contenta

      Elimina
    2. Per una scrittrice di commedie romantiche, questo è il compimento più grande. :)

      Elimina
  3. Questo libro ce l'ho in lista da tempo. Devo decidermi a leggerlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolci sì, deciditi, a te piacerà di sicuro

      Elimina
  4. Sei appena arrivata su blogger e già mi stai riempendo la wishlist con le tue recensioni! Ho voglia di questo libro proprio ora *-* E Gioia e la zietta già mi stanno simpaticissime per non parlare di quei baldi giovani *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ihihih mi vendico un po' per le liste lunghe!

      Elimina