venerdì 4 novembre 2016

Recensione "E' solo una storia d'amore" di Anna Premoli

Ciao a tutti! Oggi vi parlo del nuovo libro di Anna Premoli fresco fresco di uscita, che la casa editrice Newton mi ha gentilmente omaggiato. Ve ne parlo proprio oggi insieme ad altre quattro blogger, abbiamo deciso di fare un Release Review tutte insieme. Così se volete potete avere nello stesso momento cinque pareri di questo libro veramente divertente!


I link ai vari blog:



Volete conoscere il mio pensiero? Eccolo!

Autrice: Anna Premoli
Titolo: E' solo una storia d'amore
Editore: Newton Compton Editori
Data di pubblicazione: 3 novembre 2016
Pagine: 320

Trama:
Cinque anni fa Aidan Tyler ha lasciato New York sul carro dei vincitori, diretto verso il sole e il divertimento della California. Fresco di Premio Pulitzer grazie al suo primo libro, coccolato dalla critica e forte di un notevole numero di copie vendute, era certo che quello fosse solo l’inizio di una luminosa e duratura carriera. Peccato che le cose non stiano andando proprio così: il suo primo libro è rimasto l’unico, l’agente letterario e l’editore gli stanno con il fiato sul collo perché consegni il secondo, per il quale ha già incassato un lauto anticipo. Un romanzo che Aidan proprio non riesce a scrivere. Disperato e a corto di idee, in cerca di ispirazione prova a rientrare nella sua città natale, là dove tutto è iniziato. E sarà proprio a New York che conoscerà Laurel, scrittrice di romanzi rosa molto prolifica. Già, “rosa”: un genere che Aidan disprezza. Perché secondo lui quella è robaccia e non letteratura. E chiunque al giorno d’oggi è capace di scrivere una banale storia d’amore… O no?


Ho ricevuto questo romanzo inaspettatamente, è stata una graditissima sorpresa, ho letto altro di questa autrice e l'apprezzo. Avrei aspettato ancora qualche giorno per iniziarlo perché mi piace cambiare genere e avevo appena appena finito un caposaldo del genere, la Susan Elizabeth Phillips e non temevo il confronto. Ma questa iniziativa del Release Review era troppo carina per non partecipare e così l'ho iniziato... e finito praticamente in poco più di un giorno!
Posso dire una cosa a Anna? Finalmente!!! Era ora che qualcuno avesse il coraggio di dire quello che lei ha sostenuto con questo libro: il romance non è lettura di serie B.
"Il rosa vende, mio caro. E ti sei mai chiesto perché? Perché la gente ama una buona storia d'amore! Forse dovresti provarci anche tu", mi propone illuminato.
L'idea alla base di tutto è proprio questa e io l'approvo in pieno! Purtroppo molti autori (alcuni che mi piacciono anche), diversi lettori e anche qualche blogger ha dei pregiudizi sul romanzo d'amore. Lo considera quasi un sottogenere, adatto solamente a casalinghe frustrate e a ragazzine urlanti. Quindi ovviamente chi lo scrive e chi lo legge deve essere per forza simile, frivolo e sognante.
La nostra protagonista, Laurel, è decisamente diversa. Intelligente, colta, ironica, odia il colore rosa e non sa cos'è il romanticismo. E' l'esatto opposto che ci si aspetterebbe da una scrittrice di quelli che qui vengono bollati in maniera denigratoria come Harmony. (Per la cronaca se non si era capito io adoro il romance e leggo gli harmony!!!). Di una bellezza semplice, che passa inosservata, proprio come piace a lei.
Decisamente non se la aspettava così Aidan, Lui che ha vinto un Pulitzer, che quindi può definirsi un autore! Lui che è intelligente e scrive di cose serie, mica sciocchezze come l'amore! Lui che non ha più scritto nulla da cinque anni e non sa cosa fare delle sue ossa, se non perdere tempo e non prendere niente sul serio. Un pirata, bello e affascinante, sarcastico, quasi cinico, e allegro. Che si fa scivolare addosso i giudizi altrui, o almeno così vorrebbe. E che, suo malgrado, rimane affascinato dai modi diretti e quasi bruschi di Laurel.
La storia è senza dubbio d'amore, io però ho riso tutto il tempo. Il personaggio di Aidan è veramente sopra le righe e mi ha conquistata da subito. Ho apprezzato molto anche Laurel e il fatto che sia scritto con i POV alternati mi ha fatto entrare subito in empatia con entrambi.
Con l'obiettivo di sfatare un luogo comune, sbagliato e snob, la Premoli ci racconta un amore che cresce pian piano, facendo ridere e sorridere. 
Chi scrive storie d'amore ha il grande privilegio di poter continuare a sognare senza sentirsi in colpa: è concreto quando vive, sognatore quando immagina.
I personaggi sono caratterizzati veramente bene, anche i secondari. Lo stile è scorrevole e semplice, anche se curato. Si legge molto facilmente e fa anche un po' sognare. D'altronde non bisogna sempre fare un analisi introspettiva per ogni romanzo, a volte è necessario anche staccare solo la spina. Come dice l'autrice:
So per certo che fuori è pieno di donne completamente realizzate, professionalmente e privatamente, che al rosa chiedono quell'attimo di respiro che ogni tanto manca loro. Può sembrare una piccola cosa, invece è grandissima. Perché sono le boccate d'aria rubate ogni tanto che ti permettono di andare in apnea nei momenti davvero difficili.
E questo è l'ideale, mi ha tenuta incollata alle pagine praticamente dall'inizio alla fine e quasi sempre col sorriso sulle labbra. Perciò grazie Anna, da lettrice di romance ti ringrazio tanto per questo libro, soprattutto per il messaggio trasmesso.
Voi leggete questo genere? Conoscete l'autrice? Concordate con me?


Le ragazze che hanno ideato questa splendida idea inoltre hanno messo a disposizione delle card scaricabili dai link qui sotto, inerenti la storia di Laurel e Aidan. Se vi fa piacere guardatele, sono veramente carine!




26 commenti:

  1. Ciao Chiara, sono una tua nuova lettrice! Ti ho scoperta in un paio di commenti su un altro blog ed eccomi qui :) non ho mai letto nulla della Premoli a ce l'ho in wish list... Ecco, potrei partire da questo qui! Se no tu da quale mi consigli di partire?
    Liza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Liza e benvenuta, che piacere! Se vuoi iniziare da questo secondo me vai sul sicuro, io l'ho apprezzato molto, altrimenti ti consiglio anche il suo primo lavoro: Ti prego lasciati odiare, merita veramente. Grazie ancora e se ti fa piacere fino a lunedì è in corso un giveaway (https://lalettricesullenuvole.blogspot.it/2016/10/incontro-con-lautore-margherita-oggero.html)

      Elimina
  2. Ho adorato questo libro e grazie per aver partecipato a questa recensione collettiva. Alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a voi dell'idea meravigliosa e delle card e banner. Baci

      Elimina
  3. Ciao Chiara,
    mi hai fatto venire voglia di leggerlo. Io il genere rosa ogni tanto lo leggo, ma solo se un po' ironico...alla Kinsella per intenderci e alla Bertola. Non ho ancora letto nulla della Premoli e partirò da questo. Vado a comprarlo in settimana!
    baci lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh Lea, che emozione! Questo è ironico e allegro proprio tipo Kinsella e Bertola, anche se non è un chick-lit, ma proprio un romance. C'è anche il POV maschile. Sarò ipercuriosa di sapere cosa ne pensi. Baci

      Elimina
    2. Tra l'altro...mi piace pure la copertina!

      Elimina
    3. e non è nemmeno rosa o con il mezzobusto muscoloso! Ihihihih

      Elimina
  4. La penso esattamente come te sul romance. Ma perché denigrare il genere e sopratutto gli Harmony? Alcuni poi sono belli e fanno bene all'anima. Almeno a me. Per questo amo più il romance che il fantasy ultimamente. Il fantasy mi rende frustrata ahahahah ;D
    Comunque volevo già leggere questo libro e la tua recensione bellissima mi ha pienamente convinto. Io non ho un buon rapporto con la Premoli ma questo devo leggerlo assolutamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro come scrive, i suoi dialoghi sono unici. Ammetto però che sono partita già con le migliori intenzioni anche per questa sua protesta, sono stufa di sentire e leggere tutte queste critiche

      Elimina
  5. Bello bello bello, che altro posso aggiungere? Sicuramente leggerò altri suoi libri dopo di questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava! Anche io dovrei recuperarne ancora qualcuno

      Elimina
  6. Io non sono molto da romance nel senso più classico del termine, ma la Premoli mi piace perché è fresca, frizzante e ironica e, come dicevi tu in risposta a un commento precedente, i dialoghi le riescono benissimo. Mi sa che questo me lo segno in WL!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia, anche io la adoro perché è frizzante, ottima definizione!

      Elimina
  7. Ammetto che a volte ho avuto anche io dei pregiudizi sulla narrativa rosa. Certo, non come quelli di Aidan! Anyway, lo sto leggendo e sembra molto carino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa allora di leggere poi il tuo parere

      Elimina
  8. Eccomi qui cara Chiara, nuova follower! <3 Che bellissima recensione, mi piace molto il tuo stile ^^

    RispondiElimina
  9. Chiara, oggi è giornata di Premoli! Ho molto apprezzato la tua recensione, certo pareri diversi ma sai che io non sono avvezza al romance. Ho letto il tuo commento sulla mia recensione e noto che ti sei sbellicata dalle risate :D
    Comunque, come detto ampiamente, non è il suo lavoro migliore ;) Buone letture cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, bello così, con idee diverse. Secondo me è ancora più stimolante! E poi io cerco di ridere in ogni momento, ma le tue recensioni le leggo sempre con moltissimo piacere!

      Elimina
  10. Weilà! La Premoli si è superata!

    RispondiElimina
  11. Io non ne sono rimasta così entusiasta invece. Carino ma ho letto di meglio.
    Mi sono piaciuti molto i personaggi secondari però.

    RispondiElimina
  12. Concordo in pieno col tuo parere, il libro mi è piaciuto molto, frizzante e romantico, e anche con spunti di riflessione sul genere rosa, troppo bistrattato e sottovalutato, anche demonizzato e considerato "indegno", "non letteratura", ecco. Come lo considera il protagonista maschile all'inizio del libro. Ma, come dice Laurel, questo genere vende, e tanto. E io aggiungerei: alla faccia dei noiosi che lo criticano! Perché, per me, chi ama leggere soltanto robe cervellotiche e intellettualoidi è noioso! 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono dell'idea che è sbagliato essere snob, qualunque genere è bello, non esistono classifiche, ma solo gusto personale. Grazie mille

      Elimina