mercoledì 30 agosto 2017

Recensione "Time Deal" di Leonardo Patrignani - Domino letterario di Agosto

Ciao a tutti, la recensione di oggi è anche il domino letterario di Agosto, cioè la scelta, insieme ad altri blog, di leggere qualcosa che in qualche modo si ricolleghi alla lettura precedente.
Il mio collegamento questa volta è il titolo in inglese.

Autore: Leonardo Patrignani
Titolo: Time Deal
Editore: DeAgostini
Data di pubblicazione: 13 giugno 2017
Pagine: 475

Trama:
Ci sono promesse che non possono essere mantenute. Come quella che Julian ha fatto ad Aileen. Era solo un bambino quando l’ha vista per la prima volta, e se n’è innamorato perdutamente. Da quel momento ha giurato che non l’avrebbe lasciata mai. Che sarebbe rimasto con lei per sempre. Ma si può davvero promettere per sempre? Non in una città come Aurora. Una metropoli schiacciata da un cielo plumbeo e soffocata dall’inquinamento, in cui l’aspettativa di vita è scesa drasticamente. Almeno fino all’arrivo del Time Deal, un farmaco in grado di arrestare l’invecchiamento cellulare. Nessuno ne conosce i possibili effetti collaterali, solo qualcuno immagina quali possano essere le conseguenze morali e sociali. La città è divisa in due: da una parte chi insegue ciecamente il sogno della vita eterna, dall’altra chi invece rifiuta di manipolare la propria esistenza e preferisce che il tempo scorra secondo natura. Julian è tra questi ultimi. Ma Aileen non ha avuto scelta: figlia di un noto avvocato, che finanzia da sempre la casa farmaceutica del Time Deal, è stata sottoposta al trattamento. Finché qualcosa va storto. Aileen inizia ad accusare disturbi della memoria, e poi sparisce nel nulla. Julian però è disposto a tutto pur di ritrovarla. E di regalarle il loro per sempre. 
Dalla penna di un autore bestseller internazionale, un romanzo dal ritmo serrato e dalla travolgente storia d’amore. Una lettura sorprendente che vi terrà incollati fino all’ultima pagina.


Mi dispiace tanto, ma tanto tanto. Questo libro per me è stata una fatica infinita, non riuscivo a vederne la fine e più andavo avanti peggio era. E il dispiacere è ancora più grande perché parte da un'idea per me geniale.
La gioventù non è il futuro. La vita eterna non è un sogno. La gioventù è il presente. La vita eterna è realtà.
Siamo nel futuro, in un'isola sopravvissuta all'ultima guerra nucleare. Gli abitanti di Aurora sono i soli sopravvissuti e vivono seguendo nuove regole, nuovi calendari, hanno reinventato un po' tutto. La novità più eclatante è il Time Deal, un farmaco capace di arrestare l'invecchiamento. Chiunque lo prenda smette di invecchiare fisicamente, rimane come congelato. E' sinonimo quasi di vita eterna, salvo incidenti, e sono in molti a volerlo, ma non tutti. Ovviamente la casa farmaceutica che detiene il brevetto del TD è diventata molto potente; coloro che assumono il farmaco entrano a far parte di una setta, quasi religiosa. Ma non tutti sono d'accordo e non tutto va secondo i piani.

Io amo i libri distopici, quelli post-apocalittici. Adoro le situazioni portate all'estremo che si basano su perni reali e questo libro è tutto questo, o almeno parte da qui.
Sì perché la premessa è grandiosa ma, sempre per me, non viene sviluppata bene.
Stan aveva ragione, non si poteva discutere su questo: il Time Deal funzionava. Funzionava eccome. E aveva sovvertito l'ordine naturale delle cose.
Per la prima parte del libro mi sono annoiata tantissimo, ma proprio da faticare a restare concentrata. E' vero che deve spiegare un'ambientazione nuova, termini da imparare, abitudini da capire, ambiente da scoprire, ma è noioso, tanto. Lo stile è corretto, impostato e anche abbastanza ricercato ma, per me, piatto, senza emozione. L'ho trovato quasi come un resoconto, non ho provato nessun sentimento, nessuna partecipazione. Asettico se mi passate il termine. Con le premesse date dalla sinossi io mi aspettavo un coinvolgimento pieno e tanta azione.
Tutta questa tecnologia, tutte le innovazioni mediche, cos'erano se non un inganno alla natura dell'uomo?
Tengo a ribadire che ci sono molti libri bellissimi e lenti, non devono per forza essere scorrevoli per piacermi. Secondo me però qui la scarica di adrenalina manca proprio, per come è la storia che la chiede.

Passiamo ai personaggi. Il protagonista è Julian, un ragazzo di 17 anni rimasto orfano che si prende cura della sorellina piccola (malata, abbondiamo pure). Lui è un idealista, vuole invecchiare naturalmente e non sopporta i soprusi e gli inganni. E' innamorato di Aileen da quando l'ha conosciuta da bambina e sogna un futuro con lei. 
Odio totale. Il buonismo di Julian mi ha infastidita dalla prima all'ultima riga, l'ho detestato, quando non mi annoiava. E' esageratamente perfetto, insopportabile. Sembra un maestrino che guarda tutti dall'alto in basso e solo lui sa quel che è giusto.
Ma parliamo di Aileen. Figlia viziatissima di genitori ricchi e potenti che le impongono ogni cosa. Lei si lamenta e si lagna in continuazione, salvo poi non fare nulla e obbedire perché non ha scelta. Sapete già vero cosa penso di lei? L'unico momento in cui mi è piaciuta è quando è sotto effetto di farmaci e diventa aggressiva.

I personaggi secondari sono molto stereotipati: i buoni sono puri e perfetti, i cattivi crudeli e assetati di potere. Non ci sono sfumature e alcuni li ho confusi l'un l'altro, padri e figli, capi e aiutanti ecc. 
Fanno così. Da sempre. Se non sei con loro, non esisti. Se sei con loro, non puoi più andartene. Non puoi cambiare idea. Era questo che contestavo, non la genialità della scoperta medica. 
Anche lo sviluppo della storia mi ha delusa. Aveva un potenziale altissimo invece cade nei cliché soliti in cui il bene deve trionfare e tutti o quasi diventano di colpo buoni e bravi. (Il voltafaccia repentino del padre di Aileen ancora mi sta sul groppo). La trama si dipana in maniera abbastanza scontata così come la fine.
Sul finale aggiungerei che mi sarei aspettata qualche morto in più e sicuramente dei colpi di scena che non sono arrivati se non nell'ultima pagina. Anche questo mi ha indispettita, l'ho trovato un'escamotage per un eventuale seguito.

In conclusione non mi è piaciuto, forse si è capito. Ripeto, mi dispiace molto perché avrebbe avuto del potenziale. Forse anche per quello la delusione è stata così grande.
Voto:


Le altre tappe del Domino:



33 commenti:

  1. Ho visto questo libro ovunque e l'ho messo subito in wl!

    RispondiElimina
  2. Non ho capito: non ti è piaciuto? :P
    Peccato anche a me la trama sembrava davvero interessante ma dopo le tue parole non credo che lo leggerò
    Ma da quando hai cambiato i giudizi???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai visto che carini? Si capisce che non mi è piaciuto? Eh capita anche quello

      Elimina
  3. Chiara, aspettavo la tuaa recensione e mi ritrovo in tutto quello che dici. Anche nel mio caso è stata una vera 'fatica' portarlo a termine. Un vero peccato perché le premesse erano ottime!

    RispondiElimina
  4. Questa volta allora il mio istinto mi ha detto bene. Non so perché, ma pur amando i distopici/fantascientifici questo libro non mi ha mai attirata. Ora ancora meno... Ho visto adesso che hai cambiato i rating! Carinissimi! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava tu e il tuo istinto. Invece il mio mi implorava di leggerlo

      Elimina
  5. No, questo libro non ti è piaciuto! 😆😆

    RispondiElimina
  6. Il brutto delle aspettative è quando queste vengono deluse.
    Ammetto che non mi ispirava molto e dopo la tua recensione mi trovo a dire che non credo lo inserirò nella wish list.
    Però bella recensione 😃

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Scheggia. Forse avevo aspettative troppo alte

      Elimina
  7. Dalla trama sembra interessante, ma una volta letta la recensione la voglia di leggerlo si attesta sui -8.
    baci da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me non ha convinta, ho proprio fatto fatica a finirlo

      Elimina
  8. Ma solo a me la trama ricorda un vecchio film con Justin Timberlake? :-) Cavoli, ispirava anche a me, ma se lo stile è noioso non ce la posso proprio fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trama ricorda quel film (In time?) per certi versi. L'idea è proprio geniale ma a me lo stile non è piaciuto

      Elimina
  9. devo dire che su patrignani ho ancora delle rieserve da quel di che lessi Multiversum. Diciamo che ancora non ho trovato la voglia per terminare la trilogia per cui credo che time deal rimarrà fuori dalla wl. ha buone idee l'autore ma poi sembra perdersi, esagerare.. peccato! ps bellissimo il nuovo rating!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, il nuovo rating piace anche a me, spero si capisca. Per me questo è stato il primo libro suo, ma non credo che recupererò la saga Multiversum

      Elimina
  10. Mi trovi d'accordo su tutto. Pensa te che io ne ho parlato direttamente con l'autore a causa di un commento su facebook xD
    Oh, troppo lento, troppo narrativo, i dialoghi praticamente inesistenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne hai parlato con lui? Wow. Sono contenta di non essere l'unica a pensarla così, ho letto in giro molti pareri positivi

      Elimina
  11. Decisamente non fa per me, anch'io detesto i protagonisti troppo perfetti e i personaggi stereotipati...un libro in meno da leggere :)

    RispondiElimina
  12. Mi spiace tanto! Spero riesca a rifarti con qualche altra lettura ☺

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo mese è stato ricco di belle letture, grazie Gresi

      Elimina
  13. Sono indecisa riguardo a questo libro. Di Patrignani ho sentito parlar bene ma non è che mi attiri molto questo suo romanzo. Chissà. Aspetterò qualche altra opinione e poi finalmente deciderò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai così, ti conviene. Io ho letto molti pareri positivi, credo ci sia un'incompatibilità tra me e lui

      Elimina
  14. Dalla trama sembra molto coinvolgente e se poi dici che lo stile è piatto, senza emozioni non fa per me >.<...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ella per me è stato proprio così, piatto, noioso

      Elimina
  15. Questo romanzo mi attira, lo avevo iniziato ma poi per dare precedenza ad altre letture a scadenza l'ho abbandonato, penso lo riprenderò per vedere se condividerò il tuo parere oppure no :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono curiosa di sapere quale sarà il tuo giudizio

      Elimina
  16. Il problema che ho avuto con questo libro rispecchia in parte ciò che hai detto tu.
    L'ho trovato piatto anche io. L'inizio piuttosto interessante a dire il vero ma quando sono arrivata a metà e non era ancora successo nulla mi sono insospettita.
    Personaggi piatti, che più piatti di così non si può. Julian non aveva alcuna tridimensionalità e qual era il fine di avere una sorellina malata se poi ce ne dimentichiamo per metà libro o se la stessa non da neanche un contributo interessante al contesto generale? Verrebbe da pensare che l'abbia aggiunta solo per farci piacere il personaggio. Aileen impazzisce dopo mezza giornata chiusa nel santuario (e, ok, alla fine si scopre che era colpa degli spicofarmaci, ma poteva essere gestito meglio), non trovo la sua esistenza di alcun aiuto nella risoluzione della storia.
    Inoltre il libro recita sulla copertina: "Ha promesso di amarla per sempre ma quanto può durare l'eternità?" Un dilemma interessante non fosse che viene raramente tirato in ballo. Il libro viene venduto come una storia d'amore ma questo non traspare affatto.
    Sono rimasta confusa dal repentino cambio di umore del padre di Aileen e spiazzata dall'inutilità di sua madre.
    Insomma, avrei ancora tanto da dire ma ho parlato più o meno delle cose che più mi lasciavano perplessa.
    Premesse interessanti comunque, non fosse che a 3/4 del libro non vedevo l'ora che finisse, forse perché non provavo nessun tipo di vicinanza con i personaggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco Elisa anche io ho avuto questi dubbi sui personaggi, uniti a uno stile per me non avvincente mi hanno fatto non gradire per niente la lettura

      Elimina