lunedì 5 dicembre 2016

Recensione "Se il nostro amore non basta" di Jenny Anastan

Ciao a tutti e buon lunedì. Oggi vi parlo di un libro che fa proprio venire voglia di viaggiare, ringrazio ancora la casa editrice Amazon Publishing per la copia digitale.

Autrice: Jenny Anastan
Titolo: Se il nostro amore non basta
Editrice: Amazon Publishing
Data di pubblicazione: 22 novembre 2016
Pagine: 262

Trama:
Serena e Stefano si amano da sempre, sin da bambini. Con Stefano Serena non ha scoperto solo l’amore, ma anche la passione, la felicità, e il matrimonio è il coronamento di tutti i suoi sogni. Tutto potrebbe essere perfetto se potessero avere un bambino. La vita però ha piani diversi per loro: dopo tre gravidanze infruttuose, il sogno di entrambi si infrange. Nella loro esistenza felice e realizzata si insinuano il silenzio, la sofferenza e la freddezza. E anche la menzogna.
Serena decide così di allontanarsi da una situazione ormai insostenibile e organizza un viaggio da sola negli Stati Uniti, una vacanza “on the road” sulla Route 66. È la vacanza che ha sempre sognato, di cui tanto ha letto, ma che lei e Stefano non hanno mai fatto. Arrivata a Chicago, però, l’attende una sorpresa: il marito è lì ad aspettarla, pronto ad arrivare con lei fino a Santa Monica, al termine della mitica Route, e a provare a fare insieme un viaggio tra paesaggi immensi e meravigliosi che potrebbe rimettere insieme i cocci delle loro vite spezzate. Perché se l’amore non basta più, forse bisogna metterci l’anima.


"Forse l'amore non basta, ma se dopo tutto ancora ci amiamo, dovrà pur contar qualcosa"
Non ho resistito alla trama di questo libro. L'argomento bambini che non arrivano o si perdono è molto delicato ma capisco le implicazioni che può portare a un matrimonio, anche solido. E' vissuto come una sconfitta sia personale che di coppia e anche se razionalmente si sa che non è così, le emozioni non si riescono a frenare.
E poi il viaggio sia reale che come metafora del rapporto di coppia, trovo che l'autrice abbia avuto un'idea veramente bella.
Forse percorrere quel tragitto l'avrebbe aiutata o, per lo meno, era quello che si augurava. Viaggiare e allo stesso tempo capire cosa fare, come avrebbe dovuto comportarsi al suo ritorno a casa. Sempre che ad attenderla, al suo ritorno, ci fosse ancora qualcosa.
Qualcosa però per me non ha funzionato. Il concetto alla base del libro è stupendo, lo trovo molto calzante e poco sfruttato. Lo stile dell'autrice è fluido e impeccabile, però questo libro non mi ha convinta del tutto.
L'ho trovato spiazzante, cioè molto introspettivo per alcuni versi però con la voglia di essere un classico libro d'amore. E di viaggio, avventura. Un po' di confusione in questo.
L'ambientazione è fantastica, descritta benissimo. Io non ci sono mai stata ma mi sembrava di essere lì con loro a percorrere la Route 66. Ho attraversato l'America e mi sono emozionata con Serena e Stefano. Si vede che l'autrice ha fatto quel tipo di viaggio e l'ha amato, traspare proprio. Io di solito non amo le descrizioni eccessive, in questo caso ho adorato tutto, non stufa mai e rende bene l'idea.
Il problema l'ho avuto con i protagonisti, sia Serena che Stefano. Non mi sono piaciuti mai. Non ho provato neanche empatia per loro. Sono troppo belli, troppo perfettini, troppo ricchi e soprattutto troppo immaturi. Hanno affrontato le disgrazie che gli sono capitate con un egoismo esagerato. Ho avuto la sensazione che fosse più importante per loro decidere di chi era la colpa che altro.
La cosa che non riusciva a perdonargli era che non avesse avuto il coraggio di dirle ciò che aveva fatto. Con ogni probabilità si sarebbe arrabbiata, avrebbe dato di matto, lo avrebbe schiaffeggiato, ma dopo che si erano spogliati entrambi delle loro colpe, lo avrebbe perdonato. Invece lui aveva taciuto, le aveva fatto pesare solo le sue colpe. E ora Serena non sapeva se sarebbe riuscita a trovare la forza per passare oltre.
Io sono sposata da più di 12 anni e ho avuto, come tutti, momenti difficili nel mio matrimonio. Ho imparato a soprassedere su alcune cose e a non cercare sempre di dare la responsabilità al singolo. Nella vita quotidiana non si può su ogni questione rivangare continuamente, parlarne e non riuscire a superarlo se non grazie al sesso. Ecco è questo che non ha funzionato. Ho trovato irreale il comportamento di Serena e di Stefano, non quello che succede quando una coppia così rodata ha una crisi così profonda.
Però questa è la mia opinione e c'è da dire che io ormai sono disincantata rispetto alla favola del matrimonio perfetto. Quindi magari è per questo che non mi ha convinta.
Ne consiglio la lettura soprattutto a chi ama i viaggi on the road, e a chi, come me, adora perdersi nei racconti dei viaggi altrui.



11 commenti:

  1. Ne ho sempre letto bellissime recensioni e la tua mi conferma che devo assolutamente dare una chance a questo libro <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely leggilo, l'autrice scrive molto bene

      Elimina
  2. Ti ringrazio di cuore per la recensione ❤️

    RispondiElimina
  3. Io ho già letto un romanzo di Jenny e mi era piaciuto tanto e questo non posso perdermelo anche se non sono proprio una patita di viaggi on the road. Capisco il motivo per cui non ti sei trovata in sintonia con i protagonisti, spero che per me sia diverso anche se alla fine io e te la pensiamo sempre uguale ^-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io anche ne avevo letto un altro. Secondo me a te piacerà perché in questo caso ha inciso anche il mio di vissuto. Sono curiosa poi di leggere la tua opinione e magari sognare insieme un viaggio così

      Elimina
  4. ok la trama sembra davvero splendida, peccato che poi a quanto pare si perda. il libro mi mette molta curiosità lo ammetto. e vorrei leggerlo. cercherò di recuperarlo così poi potremo confrontare le nostre impressioni! ciao!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Chicca leggilo mi piacerebbe molto sapere la tua opinione.

      Elimina
  5. Oh Chiaretta!! Ho trovato questa recensione molto toccante, tanto più perché ci hai anche messo qualcosa della tua vita <3
    In particolare, mi colpisci dritta dritta al cuore quando dici che "le emozioni non si riescono a frenare". Nulla di più vero!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina, lo credo con tutto il cuore!

      Elimina