lunedì 11 marzo 2019

Purché sia di serie - Recensione "The Kindom" di Amanda Stevens e "Master magician" di Charlie N.Holmberg

Buongiorno, oggi è l'11 e quindi torna la rubrica sulle serie, nata da una mia idea e che ha come obiettivo di cercare di portarne a termine qualcuna delle millemila iniziate.


Appuntamento fisso quindi ogni 11 del mese per parlare di serie.




La rubrica quindi consiste nel leggere mensilmente un libro appartenente a una serie cominciata (quindi non il primo) e di parlarne sul blog, però con una recensione speciale in questo caso.
Infatti per invogliarmi ho pensato di cambiare un pochino il metodo, avvisando prima. Farò una cosa che normalmente aborro, cioè farò spoiler, sulla serie e sul libro letto. Più un delirio da fangirl, che richiama perciò i gruppi di lettura sui social, che una recensione vera e propria.

Appuntamento fisso anche per Ludovica, mia cara collaboratrice, quindi armatevi di pazienza perché le recensioni saranno due.

Io ho letto:
Autrice: Amanda Stevens
Titolo: The Kingdom
Editore: Harlequin Mondadori
Data di pubblicazione: gennaio 2013
Pagine: 293
Serie: #2 La signora dei cimiteri

Trama:
Sono Amelia Gray e mi chiamano la Signora dei Cimiteri. Ho ricevuto l’incarico di restaurare un vecchio camposanto nella cittadina di Asher Falls, South Carolina, raggiungibile solo in barca. Ma credo che in realtà ci sia un’altra ragione se sono stata chiamata qui. Sento una sorta di legame che non riesco a spiegarmi e a comprendere. Perché c’è un cimitero in fondo al lago? Perché vengo attirata di continuo verso una tomba nascosta che ho scoperto nel bosco? C’è qualcosa in questa città che la fa avvizzire. Si respira un’atmosfera di morte e il male è in mezzo a noi. Forse tutto cambierà se riuscirò a scoprire la verità nascosta dal velo che separa i vivi dai morti. 

di Chiara
Recensione priva di spoiler
Questo secondo libro mi è piaciuto forse ancora più del primo. Ritroviamo Amelia alle prese con un nuovo lavoro, in una città che mette i brividi, Asher Falls, dove i segreti non mancano.
"Eccoci arrivati" annunciò allora in tono allegro. "Asher Falls. Benvenuta nel nostro regno, Amelia Grey."
Di nuovo ho avuto l'impressione di trovarmi di fronte a un horror, genere che non amo molto, ma la magia si è compiuta un'altra volta. Lo stile coinvolgente e introspettivo della Stevens mi ha catturata da subito, per non lasciarmi fino alla fine. Sono contenta di poter dire che questa serie è veramente bella e particolare e sono contenta di averla finalmente iniziata.

Nonostante sia molto psicologico, scritto pure  in prima persona, a tratti mi è sembrato cinematografico. Le descrizioni dell'ambiente, del bosco, la molta suspense e i colpi di scena hanno fatto la magia. Mi è anche venuto in mente un film che ho adorato, le streghe di Eastwick, per alcuni aspetti.
C'era qualcosa di terribilmente strano in quella città. Lo avevo percepito durante l'attraversamento di Bell Lake. Le ombre lì sembravano più fitte, le notti più lunghe, i segreti più antichi. Perfino il vento era diverso.
All'inizio ho sofferto un po' la mancanza di Devlin ma questo libro, per me, è stato come una parentesi nella macrostoria della serie. É servito a spiegare le origini di Amelia.
Che cosa mi stava accadendo in quel luogo bizzarro? Com'era possibile che ne fossi tanto attratta e al tempo stesso respinta?
Bella la ricostruzione della storia e avvincente la parte "magica". Molto evocativa la rappresentazione del Male.

L'ultima frase mi ha fatto cercare subito il libro successivo, l'autrice sa proprio come tenere al guinzaglio i suoi lettori.

Serie che consiglio a tutti, anche a chi di solito come me non si cimenta in questo genere, perché scritta benissimo e molto molto avvincente. Grazie a chi me l'ha consigliata.
Voto:



********************


 Ludovica ha letto:
Autrice: Charlie N.Holmberg
Titolo: Master Magician
Editore: Fanucci Editore
Data di pubblicazione: 14 luglio 2016
Pagine: 213
Serie: #3 Paper Magician Trilogy


Trama: 
Durante il suo lungo apprendistato, Ceony Twill ha tenuto nascosto un segreto al suo stesso mentore, Emery Thane: ha scoperto di poter praticare forme di magia diverse dalla propria, un’abilità da sempre ritenuta impossibile da acquisire. Ormai è giunta al termine del suo percorso e sta per affrontare l’esame finale, ma proprio quando tutto sembra andare per il verso giusto ecco che gli imprevisti si mettono sulla sua strada, complicandole un bel po’ la vita. Per allontanare da sé i sospetti di favoritismo, Emery fa testare le qualità di Ceony da un tale Prit, un piegatore che, come tutti sanno, odia il maestro e a cui non importa nulla della sua apprendista. Proprio nel momento in cui un efferato criminale con cui la ragazza ha avuto un tempo a che fare è scappato di prigione e ora è pronto a regolare i conti con il passato. Ceony sa che se vuole evitare la sua vendetta dovrà trovarlo prima che sia troppo tardi, perché colui che ha di fronte è il peggiore dei suoi incubi, il solo in grado di padroneggiare l’unica forma di magia che lei non riesce a dominare...


di Ludovica
Recensione priva di spoiler
Quando si arriva al terzo libro di una serie, che è anche l’ultimo, si ha come l’impressione di chiudere finalmente un cerchio, di veder compiuta un’opera che per quanto possa essere interessante presa singolarmente, assume tutto il suo significato solo se letta interamente.

Master magician è un libro molto intenso, poetico, magico e non solo perché parli di Magia e lo faccia in maniera del tutto naturale, ma perché il linguaggio che la sua autrice sceglie per tutti e tre i libri è aleatorio e flessuoso, proprio come una bacchetta magica, anche se in questa saga non compaiono bacchette magiche, ma solo mani in grado di creare magia.
In questo capitolo vediamo, e dico finalmente, perché nel secondo ho patito un po’ la lontananza tra i due, Ceony ed Emery combattere fianco a fianco, contro l’ultimo nemico comune, un escissionista senza scrupoli che ha solo l’intento di catturare i loro cuori e cercare di capire quale sia il segreto di Ceony.

Ceony è un’apprendista maga legata alla Carta, legata nel vero senso della parola, vale a dire che, attraverso una formula magica, lei abbia legato la propria persona a questa materia e che grazie a questo indissolubile legame lei possa effettuare tutta una serie di magie.
Il mago più giovane ed anche più esperto in circolazione è proprio Mago Emery Thane, nonché suo mentore, nonché suo non più segreto innamorato, nonché colui che molto pazientemente attende che lei possa fare il suo esame di apprendistato e divenire a tutti gli effetti una maga, per poter vivere alla luce del sole il loro amore.

Ciò che lega questi due personaggi è un amore molto forte, anche se descritto con dolcezza e riservatezza, è un sentimento costruito nel tempo e vissuto con molta ponderazione, merito di mago Thane, sempre misurato e coscienzioso, perché se fosse per il carattere irruente e focoso di Ceony sarebbero già stati entrambi privati della loro magia!
Ceony è una temeraria, una passionale, una ventenne che pur di difendere la sua famiglia, Emery ed il ricordo della sua compagna morta, sarebbe disposta ad affrontare qualsiasi pericolo, anche a costo della vita.
Ed infatti è proprio quello che farà. Ignorare la promessa fatta ad Emery di stare buona e tranquilla, ma è anche quello che farà lo stesso Emery. Ed entrambi con un unico scopo: assicurare un futuro privo di pericoli all’altro! In questo almeno si somigliano, nella testardaggine!
È stato bello vederli combattere insieme, unire le loro conoscenze, quelle di Ceony che in questo capitolo non si sono limitate alla Piegatura, ma hanno riguardato tanti altri materiali, e quelle di un Mago esperto come Thane, è stato dolce vederli insieme, perché sono loro ad essere teneri, ad essere veri e non costruiti. Sono loro che, come già in Paper magician, comunicano più con sguardi che con parole, più con gesti ed areoplanini che con dichiarazioni d’amore.

Si respira magia in questa favola senza tempo, lieve e poetica come poche scritture sanno evocare. Gli occhi verdi di Emery parlano di sentimenti taciuti ed i capelli rosso fuoco di Ceony di espressioni esplosive.

Il ritmo ha ritrovato un suo incedere deciso e convincente, dove la lentezza del secondo mi aveva lasciato lievemente insoddisfatta, sembra quasi di essere tornati al primo in cui il viaggio che Ceony aveva fatto nel cuore di Emery l’aveva poi effettivamente portata a conquistarlo davvero!

A voler trovare proprio un “pelo nell’uovo”, l’appunto che mi sento di fare è che avrei voluto dei cattivi più cattivi, meglio delineati e magari presenti in tutta la serie, in modo da aumentare continuità e pertinenza.

Al di là di questo piccolo particolare, di cui la responsabilità è da imputare unicamente alla Chiara Ropolo nazionale, che mi sta influenzando sulle figure negative e cattivissime, la serie merita di essere letta, soprattutto da persone che in un libro cerchino il desiderio di evadere. E di sognare. E di innamorarsi di personaggi semplici e naturali, dove la naturalezza possa andare a braccetto con la Magia!
La Magia, quella vera, che è quella di sognare ad occhi aperti grazie ad un libro!
Voto: 




Dovrei sentirmi in colpa ma niente, mi sento solo orgogliosa (Chiara).
Voi li conoscete questi libri? Passate anche a vedere gli altri blog, appuntamento al mese prossimo.

32 commenti:

  1. Chiara: Non l'avrei mai detto ma questa serie potrebbe pure interessarmi. Aggiungiamo alla lista di libri che prima o poi, nella vita, leggerò.

    Ludovica: quando ho concluso la serie mi sono sentita un po' svuotata. Credo che il terzo sia in assoluto il migliore. Ceony ed Emery io li adoro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio preferito è stato il primo,ma loro due sono troppi dolci ed hai ragione,ne sentirò la mancanza🥰

      Elimina
    2. Rosaria secondo me La signora dei cimiteri potrebbe proprio piacerti.
      Ho amato anche io tanto Ceony ed Emery e come te penso che questo ultimo sia il migliore

      Elimina
  2. Brave le mie ragazze, ho adorato entrambi questi libri e per motivi diversi sono esattamente quello che cerco in un libro, belle riflessioni 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se lo dici tu Alessia,io mi fido! Anzi, visti i nostri gusti molto simili,dovrò leggere quello che ha letto Chiara😘

      Elimina
    2. Grazie ancora Alessia per avermela consigliata

      Elimina
  3. Chiara lo sapevo che ti sarebbe piaciuto anche questo secondo libro!! ti avevo detto che era un po' più cupo del primo… la Stevens è fantastica, riesce a tenerti su in equilibrio su di un filo e poi quando cadi ti trovi direttamente su di un altro filo...io la adoro!!!
    Ludovica conoscevo di nome la tua serie, ma non l'ho letta. non credo sia il mio genere...ma chissà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia serie è proprio nelle mie corde,quando la Magia chiama io rispondo,sempre! Se puoi...da’ ad Emery e Ceony una possibilità!😘

      Elimina
    2. Sabrina avevi ragione su tutto

      Elimina
  4. Chiara: Come dicevo nei commenti alla tua recensione del primo libro ho letto la Stevens molti anni fa ed è stata una serie che mi è piaciuta molto. Sto temporeggiando nella lettura di The Sinner perché vorrei che arrivasse anche il libro successivo per non rimanere in sospeso. Incrocio le dita, anche se sembra che le cose potrebbero muoversi

    Ludovica: e se non mi convinco a iniziare questa serie dopo le tue parole ditemi voi cos'altro potrebbe spingermi a farlo?

    RispondiElimina
  5. Chiaraaaaaaaaa! Pur se ha il sapore di un horror VOGLIO leggerlo!!!

    RispondiElimina
  6. Chiara il tuo ce l'ho da un sacco nel kindle e ora devo leggerlo!
    Ludo mi sono fermata al primo libro di questa serie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolci, perché? Non ti era piaciuto? Il primo resta il mio preferito, ma anche in questo terzo ho ritrovato l’atmosfera magica che avevo bisogno di riavere!

      Elimina
    2. Dolci mentre leggo La signora dei cimiteri penso a te, sappilo! È prorpio il tuo

      Elimina
  7. @Chiara, non va bene, non ho fatto in tempo a leggere la recensione, che mi sono presa l'ebook del primo libro e pure del secondo. E la mia scorta si ingrandisce. Mi ha affascinata la trama e l'ambientazione, mi sembra un libro dark, misterioso e di lettura veloce e coinvolgente.

    @Ciao Ludovica, la serie che hai terminato questo mese, non mi ha mai attratta più di tanto, non so perché, forse mi è sembrata sempre un po' noiosa per i miei gusti, ma leggendo la tua recensione si capisce che tu l'hai veramente apprezzata, soprattutto per l'atmosfera magica che trasmette e fa vivere al lettore :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, hai colto perfettamente quello che intendevo dire, quello che mi ha suscitato è quello che speravo di trovare😍

      Elimina
    2. ahahahah come ti capisco Saji, hai fatto bene. Curiosa di sapere la tua opinione

      Elimina
  8. cavoli cavoli cavoli!
    qui si aggiunge sempre più roba, non ne uscirò viva
    e comunque le vostre recensioni fanno troppo venir voglia di leggere libri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne finiamo una ne iniziamo tre, siamo incorreggibili

      Elimina
    2. Ci troveranno sepolte da pile di libri da leggere e quelli letti e quelli che abbiamo amato! Che bello avere tante persone con cui condividere questa passione!

      Elimina
  9. Ludovica che bella recensione! Io ho amato moltissimo questa serie e questo ultimo libro per me rasenta la perfezione. Vorrei leggere ancora di loro, tanto tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto da qualche parte che dovrebbe esserci un quarto libro in cui loro non saranno i protagonisti ma saranno presenti! Magari🙂🙂🙂🙂

      Elimina
  10. La serie La signora dei cimiteri ha un titolo che non mi entusiasma particolarmente però la storia sembra piuttosto intrigante. La serie Paper Magician, invece, è da tanto che ho intenzione d'iniziarla e non l'ho ancora fatto....mi sa che il primo volume potrà diventare protagonista di uni dei prossimi angoli vintage

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paper magician è il mio PREFERITO... dire che l’ho adorato è dire poco!!!! Te lo consiglio vivamente 😘

      Elimina
    2. Erica devi recuperare entrambe, davvero

      Elimina
  11. La serie di Amanda Stevens mi sembra molto interessante e ho già il primo nel Kindle, in attesa di essere letto!! Mentre, la serie Paper Magician sarà una delle mie prossime serie da leggere =)!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contentissima perché davvero è una lettura affascinante e MAGICA!

      Elimina
    2. Ella ti consiglio entrambe le serie

      Elimina