venerdì 13 maggio 2022

Recensione "Nora. Experiment_02" di Daniela Spagnuolo - Tu leggi? Io scelgo!

Buongiorno lettori, torna questa rubrica, che adoro sempre di più, nata da un'idea di Rosaria, gestita da me, Chicca e Dolci, che adoro sempre di più.


La rubrica, a cadenza mensile, consiste nel leggere un libro recensito da un altro blog partecipante

L'ordine di scelta è casuale, abbiamo usato random.org e questa volta mi è capitata Sara.

Guardando le sue recensioni ho subito scelto questo titolo, di cui ringrazio l'autrice per la copia.
Il libro:
Autrice: Daniela Spagnuolo
Titolo: Nora. Experiment_02
Editore: Self
Data di pubblicazione: 14 dicembre 2021
Pagine: 352
Serie: Amore Esistente Vol.2

Trama:
Lei è l'invenzione del secolo, il punto di unione tra macchina e uomo.
Lui è un solitario collezionista d'arte che vive di passato.
Nulla li accomuna, ma il loro incontro li cambierà per sempre.
Il 3 giugno 2087 è stato il giorno in cui ho incontrato Lucian Kelly per la prima volta, e nulla è andato come l'avevo immaginato.
Davanti alla sua villa antica affacciata sul lago, avrei dato litri di fluido energetico per risultare più spigliata, più normale, ma il laboratorio è sempre stato la mia sola e unica casa e il signor Kelly non ha di certo reso le cose facili.
Nessuno mi aveva mai fatto sentire così inadeguata.
Io, Nora, uno dei pochi esemplari di bioumanoide dotati di un sistema emozionale artificiale, avrei dovuto trascorrere quattro mesi di prova con un umano che i sentimenti sembrava averli gettati in un disgregatore di rifiuti, per sempre.
Ma poi qualcosa è cambiato…
Il rapporto tra Lucian e Nora, più che un esperimento, è una scommessa su cui punterebbero in pochi sia oggi che nel 2087. Tra cinquant'anni l'evoluzione tecnologica avrà di sicuro varcato molte frontiere, ma ci saranno luoghi che non smetteranno mai di sorprendere: i sentimenti e il nostro eterno bisogno di sentirci amati.

Nora: experiment 02 è il secondo romanzo autoconclusivo della serie Sci-Fi Romance Amore Esistente.





Avevo letto con piacere Liam, il primo libro di questa serie, composta da titoli autoconclusivi ma che appartengono allo stesso filone, e aspettavo con piacere un nuovo volume da questa bravissima autrice.

Nora è un robot bioumanoide di ultimissima generazione, unica nel suo genere, che ha al suo attivo tutta una gamma di emozioni e deve essere “testata”. L’enigmatico Dottor Martin (che ho di nuovo adorato) ha deciso di relazionarla a Lucian, riservatissimo critico d’arte propenso all’isolamento. E come per Liam anche stavolta non si sa più chi insegna a chi, cosa succede alla loro relazione, che pian piano evolve in qualcosa di straordinario.

Amo la fantascienza e apprezzo anche questo filone romantico, soprattutto se popolato da robot o androidi. Da sempre ho un debole per il confrontarsi con il “diverso”, di qualunque natura esso sia. Inoltre stavolta l’autrice ha riservato una maggiore attenzione alla componente scientifica, rispetto al primo ho notato proprio la differenza, cosa da me molto apprezzata anche perché spiegata in maniera semplice e intuibile.

Rispetto a Liam ho apprezzato anche il maggior approfondimento della storia personale “dell’umano”, in questo caso Lucian, personaggio che mi è piaciuto molto. Ho adorato la sua maturazione, che è grandissima ed è il cardine del rapporto di coppia.

Mi sono piaciuti insieme Lucian e Nora, così diversi e complementari, mi è piaciuto anche il fatto che rispetto a Liam i ruoli siano invertiti.

Bella l’importanza dell’arte, sia per Lucian che per la rappresentazione della storia. Il fatto poi che il libro sia completato da una parte grafica importante, per me è completamento e unione. L’autrice oltre a saper scrivere sa pure disegnare, bene, ho apprezzato aver sotto gli occhi l’idea che il creatore ha delle sue creature.

Ho trovato quindi di nuovo molto interessante questo libro che, unito alla maturazione dell’autrice e a maggiori approfondimenti che erano un po’ carenti nel precedente, mi ha permesso di godermi ancor di più l’esperienza che è stata questa lettura. Ora attendiamo fiduciosi le nuove pensate di Martin.
Voto: 4*

Vi ho incuriosito?
Le altre recensioni



20 commenti:

  1. La fantascienza è un genere che non sono mai riuscita ad apprezzare davvero. Sarei curiosa di provare con altro ma non trovo mai lo stimolo giusto neanche in questo caso dove hai riempito di complimenti l'autrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo è molto soft a livello di fantascienza, potresti provare

      Elimina
  2. Daniela Lirely Spagnuolo13 maggio 2022 22:32

    Grazie per questa recensione lucida e sentita al tempo stesso! Nelle tue osservazioni trovo sempre spunti e stimoli nuovi

    RispondiElimina
  3. come sai concordo in pieno con questo giudizio. Daniela è migliorata molto , dove in _Liam c'erano delle mancanze con Nora sono scomparse!

    RispondiElimina
  4. Non amo la fantascienza ma le tue parole ed il fatto che sia, soft mi fanno fare un pensierino. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. inizia da Liam e ti consiglio i cartacei per la parte grafica molto molto bella

      Elimina
  5. Non amo particolarmente il genere fantascientifico (come il fantasy), sono più per il thriller e i gialli. Mi chiedevo: l'autrice riesce comunque a farti immedesimare nei personaggi "androidi"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per me moltissimo, ma io amo questo genere sempre

      Elimina
  6. Non conosco l'autore e il romanzo, però la tua recensione come sempre mi ha incuriosita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniela è una talentuosa autrice, assolutamente da seguire

      Elimina
  7. Ecco dalla copertina non avrei mai e poi mai detto che questo libro fosse di fantascienza!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ha una componente romance molto forte, ma è fantascienza

      Elimina
  8. Per questa volta passo, non m' ispira per nulla!

    RispondiElimina
  9. Devo assolutamente riuscire a leggerlo questo mese, ho apprezzato molto Liam

    RispondiElimina