venerdì 7 aprile 2017

Recensione "L'universo nei tuoi occhi" di Jennifer Niven

Autrice: Jennifer Niven
Titolo: L'universo nei tuoi occhi
Editrice: De Agostini
Data di pubblicazione: 21 marzo 2017
Pagine: 416

Trama:
Affascinante. Divertente. Distaccato. Ecco le tre parole d’ordine di Jack Masselin, diciassette anni e un segreto ben custodito: Jack non riesce a riconoscere il volto delle persone. Nemmeno quello dei suoi genitori, o quello dei suoi fratelli. Per questo si è dovuto impegnare molto per diventare Mister Popolarità. Si è esercitato per anni nell’impossibile arte di conoscere tutti senza conoscere davvero nessuno, di farsi amare senza amare a propria volta. E finora è riuscito a cavarsela. Ma le cose prendono una piega inaspettata quando Jack vede per la prima volta Libby. Libby che non è come le altre ragazze. Libby che porta addosso tutto il peso dell’universo: un passato difficile e tanti, troppi chili per poter essere accettata dai suoi compagni di scuola. Un giorno, per non sfigurare davanti agli amici, Jack prende di mira Libby in un gioco crudele, che spedisce entrambi in presidenza. Libby però non è il tipo che si lascia umiliare, e il suo incontro con Jack diventa presto uno scontro. Al mondo non esistono due caratteri più diversi dei loro. Eppure… più Jack e Libby si conoscono, meno si sentono soli. Perché ci sono persone che hanno il potere di cambiare tutto. Anche una vita intera.


L'età avanza e da qualche anno ci vedo meno bene. Quando mio figlio gioca a hockey e tutti i bambini sono vestiti uguali, dagli spalti fatico a riconoscerlo, così ho imparato a far caso ad alcuni atteggiamenti: come pattina, come tiene la stecca ecc, pian piano sono riuscita a riconoscere i vari componenti della squadra. Mentre leggevo questo libro ho pensato a questo, alla frustrazione che mi ha portato non riuscire a riconoscere al volo le persone e ho immaginato l'agonia che deve essere stata la vita di Jack, circondato in ogni momento da estranei, con l'angoscia di sbagliare, di fare un passo falso.
Il suo sguardo si indurisce. Eccolo: lo sguardo di odio da parte di un perfetto sconosciuto che non sa niente di te ma crede di conoscerti e detesta quello che vede.
E' facile capire Libby, entrare in sintonia con lei. Credo che siano poche le persone contente del proprio fisico. Lei è sovrappeso, anche se meno di un tempo. E' riuscita a dimagrire e ad avere un proprio equilibrio, ad accettarsi. Più difficile farsi accettare. Provare empatia per Jack invece è meno immediato perché lui in apparenza è sbruffone, sicuro di sé, nasconde molto bene una fragilità enorme.
Tieniti pronto a tutto. Non avere paura di passare per uno stronzo. Qualsiasi cosa pur di non essere la vittima. Sempre meglio essere il cacciatore piuttosto che la preda.
Questo libro parla anche di bullismo, ma soprattutto di accettazione. E' il primo che leggo di questa autrice e il suo stile mi ha conquistata. E' semplice e diretto, alterna i POV e i capitoli sono brevi. Si divora. 
I personaggi sono ben caratterizzati, pure i secondari. Meno credibili le figure adulte, molto complesse e veritiere quelle adolescenti. E' il classico libro che parla ai ragazzi, che mi viene voglia di far leggere a chi conosco in questa fase della vita così delicata.
Io l'ho superata da un pezzo e in diverse occasioni ho storto il naso, ma credo sia proprio un problema dato dall'età. Non ho trovato credibili alcune situazioni e certe dinamiche non le ho capite in pieno.
E a tutte le altre dico: siete desiderate e desiderabili. Grasse e magre, alte e basse, carine e bruttine, estroverse o timide. Non permettete a nessuno di sostenere il contrario. Nemmeno a voi stesse. Soprattutto a voi stesse.
E' però un bella storia, con una morale meravigliosa e sicuramente molto molto coinvolgente.

Voi l'avete letto? 


20 commenti:

  1. Ero già molto curiosa di leggerlo e ora è nella mia tbr.
    Ciao vippa-cecata :P

    RispondiElimina
  2. Devo dire che non avevo intenzione di leggerlo, ma le citazioni che hai inserito mi hanno incuriosito. Lo segno da leggere più in là ^^
    Ps: per la challenge va bene comunque ;)

    RispondiElimina
  3. Ciao Chiara ho finito questo libro la scorsa settimana e non posso non essere d'accordo con te, si tratta di una lettura davvero coinvolgente! <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi ha coinvolta molto, è molto intenso

      Elimina
  4. Come hai appena detto nel commento lasciato da me, il messaggio che lancia questo libro è bellissimo e pensa che sia da esempio per certe persone che non hanno il coraggio di affrontare certe situazioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, può essere da esempio, sarebbe bello.

      Elimina
  5. Molto bella la recensione, il genere non è proprio il mio però il tuo incipit è fenomenale :*

    RispondiElimina
  6. Credimi, non è un problema di età, perché alcune cose hanno fatto storcere il naso anche a me, anche se tutto sommato non mi è dispiaciuto per niente :)

    RispondiElimina
  7. Io nei confronti della Niven sono mooolto scettica >.< non so se avrò mai il coraggio di leggere qualcos'altro di suo dopo Raccontami di un giorno perfetto che mi ha fatta arrabbiare parecchio :/ magari tra qualche anno... chissà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io quello non l'ho letto, sono poco coraggiosa

      Elimina
  8. Ciao Chiara!
    Eccomi qui come promesso appena avresti letto il libro!
    Non posso che confermare tutto ciò che hai scritto! È sicuramente un libro che regalerei a un adolescente se ne conoscessi uno che ama leggere! 😉
    Molto bella la nuova grafica! 😊

    RispondiElimina
  9. ma insomma anche questo adesso devo mettere4 in lista? mi hai troppo ispirata!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chicca! Secondo me a te questo piacerà tantissimo

      Elimina
  10. I punti deboli di questi protagonisti li rendono molto interessanti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero molto e fanno riflettere tanto

      Elimina