venerdì 28 aprile 2017

Recensione "Scarlet" di Marissa Meyer

Buongiorno a tutti, oggi vi lascio il mio pensiero su questo libro che ho riletto nell'ambito di un gruppo di lettura che ha coinvolto più blog (qui la presentazione). Dopo aver letto tutti insieme Cinder (qui la recensione) siamo passati a Scarlt e fra poco cominceremo Cress. C'è un gruppo facebook aperto in cui tutti possono commentare o anche solo sbirciare. Se volete iscrivervi è qui.


Autrice: Marissa Meyer
Titolo: Scarlet
Editore: Mondadori (Chrysalide)
Data di pubblicazione: 30 aprile 2013
Pagine: 427
Serie: #2 Cronache Lunari


Trama:
Anno 126, Terza Era. Androidi e umani popolano le strade di Nuova Pechino, sotto lo sguardo implacabile degli abitanti della Luna. Cinder, giovane cyborg e legittima erede al trono lunare, evade dalla prigione in cui è stata rinchiusa per partire alla volta di Parigi, alla ricerca della donna che in passato l'ha nascosta dalla malvagia Regina Levana. Il suo destino si intreccia a quello di Scarlet, giovane contadina francese costretta ad abbandonare la sua fattoria per ritrovare la nonna, scomparsa senza lasciare traccia. Insieme, con l'aiuto dell'ambiguo Wolf, esperto di combattimenti clandestini, e dell'affascinante cadetto Carswell Thorne, Scarlet e Cinder scopriranno di dover combattere un nemico comune: la Regina Levana, pronta a scatenare la guerra per indurre il principe Kai a sposarla e affermare la supremazia dei Lunari sulla Terra. Vigilata da una luna ostile e minacciosa, Scarlet, moderna Cappuccetto Rosso, dovrà attraversare una città insidiosa come il profondo del bosco, e scoprire se dietro il conturbante Wolf si nasconde un alleato... o un predatore.




Ormai avrete capito che io amo questa serie, la reputo veramente brillante. 

Questo secondo capitolo delle cronache lunari rafforza questa convinzione perché l'autrice è un genio. E' riuscita a fondere insieme la storia cominciata con Cinder con la fiaba di Cappuccetto rosso senza dimenticarsi Cenerentola. Il tutto in un futuro post terza guerra mondiale con molti elementi di fantascienza. Sembra un gran pasticcio, ma la cosa che rimane a fine lettura è proprio la facilità di come la storia di scivola via, il fatto che tutti i pezzi si incastrino senza fatica. Chapeau.



Tutto ciò che Cinder aveva sempre voluto era la libertà. Libertà dalla sua matrigna e dalle sue regole insopportabili. Libertà da una vita di lavoro incessante senza nessun beneficio. Libertà  dalle smorfie e dalle parole di odio degli sconosciuti che non si fidavano di una ragazza cyborg troppo forte e troppo furba e troppo stranamente brava con le macchine per essere normale. Ora aveva la sua libertà - ma non era assolutamente come se l'era immaginata
In questo secondo capitolo siamo ancora insieme a Cinder che riesce a fuggire aiutata dal cadetto Capitano Thorne e da una ritrovata Iko, nei vesti di nave spaziale. Le parti che riguardano loro sono le più divertenti perché sono un concentrato di ironia. Non manca però la crescita personale di Cinder che deve fare i conti con la sua vera identità.

C'è poi tutta la storia nuova relativa a Cappuccetto rosso, Scarlet, e Wolf. I richiami alla fiaba classica anche qui sono molti, dalla ricerca della nonna, al fatto che Scarlet porta cibo, al combattimento con Hunter ecc. Ho amato tantissimo Wolf, forte, aggressivo ma dagli occhi tristi, che trasmette nonostante la mole una sorta di fragilità. E' un personaggio ombroso, misterioso che provoca un affetto immediato, viene voglia di abbracciarlo. 
"Non andare". Il suo sguardo la bloccò nell'oscurità. I capelli arruffati, le cicatrici pallide, tracce di sonno nelle sue ciglia. Wolf si arrotolò un ricciolo di lei intorno al dito. "Non andare a cercare tua nonna".
Molta meno simpatia suscita la protagonista nei cui confronti ho provato fastidio. Sembra una bambina viziata, egoista, ma anche lei ha una sua maturazione ed è di sicuro un personaggio tosto, lontano dalla donzella in pericolo tipico delle fiabe.
Tutto ciò che importava era salvare sua nonna, e ci era così vicina. Così vicina.
Persino Kai in questo secondo capitolo ha una crescita personale, legata al suo ruolo di imperatore. Adoro il fatto che non riesca a smettere di pensare a Cinder.
"Non posso restare qui, al sicuro in questo palazzo, e non fare niente. Non posso lasciarle uccidere nessun altro[...]"
Fra molti colpi di scena e diverse scene degne di un film la storia prosegue, mantenendo un suo filo logico ma sempre in qualche modo legata alla tradizione delle favole. In più ci sono accenni al libro successivo, Cress cioè Raperonzolo.
"Penso di aver realizzato che avrei preferito morire perché avevo tradito loro che vivere perché avevo tradito te"
Dire che mi piace secondo me è riduttivo e anche se siete fra quelli che storcono il naso alla parola fantascienza o fantasy, date una possibilità a questa saga, merita davvero.
Voto:

Continueremo la (ri)lettura della serie, questa volta tocca a Cress, vi aspetto tutti sul gruppo facebook e speriamo di non dover attendere troppo l'ultimo libro della serie.


8 commenti:

  1. Sono pronta, picchiami pure! Questa volta mi sono un po' persa e non sono riuscita a seguire le varie tappe nonostante lo abbia perfino iniziato. Prometto di inserirlo nella lista delle cose da leggere nell'immediato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ti picchio ma recuperala, merita proprio! E poi ora iniziamo con Cress quindi poi non devi aspettare molto

      Elimina
  2. Ho adorato Scarlet ancor più di Cinder, credo proprio che con questa saga sia stato amore a prima riga <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me! Sono contenta di condividere questo con voi

      Elimina
  3. Bella recensione ^_^ Anche a me Scarlet non è piaciuta molto ma adoro Thorne!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thorne è veramente simpatico, mi fa ridere sempre!

      Elimina
  4. Ho letto pareri sempre molto discordanti su questa serie infatti sono sempre rimasta indecisa, ma avevo già capito che a te piaceva quindi penso che prima o poi gli darò una possibilità. Quando non lo so. Comunque sì, anch'io sono una di quelle che storce il naso alla parola fantascienza/fantasy infatti anche questo mi ha frenato fino ad ora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo so, io l'ho detto apposta. Frena molto questo ma questa serie per me merita tantissimo!

      Elimina