martedì 26 luglio 2016

Incontro con l'autore #2 - Diego De Silva e Marco Malvaldi 23 luglio 2016

Ciao a tutti, finalmente sono riuscita a mettere per scritto le magnifiche emozioni provate sabato scorso, spero ne sia venuto fuori un resoconto abbastanza capibile, è stata una giornata molta particolare e intensa e per me non è facile riuscire a trasmettere il marasma di emozioni che mi ha travolta.



Nel paese vicino al mio ogni anno organizzano un festival letterario ricco di incontri interessanti, Una Torre di libri. Quest'anno ho cercato il programma con maggiore interesse, avevo già in mente l'idea del blog e volevo cercare qualche autore conosciuto o almeno leggibile per me. Il primo nome che mi è saltato all'occhio è stato proprio Diego De Silva in quanto a gennaio avevo letto il suo "Terapia di coppia per amanti" grazie alla challange delle LGS, in quanto era il libro bonus di quella tappa (se volete sbirciare il mio pensiero su aNobii è qui). Il libro mi era piaciuto tantissimo, così come lo stile dell'autore, molto ironico proprio come piace a me. Pensavo quindi di andare a sentire la sua presentazione e magari rubargli una foto, oltre che l'autografo al libro. Invece venerdì (sì, proprio solo il giorno prima della presentazione) mi telefona la mia amica Francesca, che fa parte dell'organizzazione dell'evento.
 Mi chiede se mi fa piacere e me la sento di salire sul palco con il moderatore e di fare qualche domanda all'autore, così da avere anche una visone da parte dei lettori e non solo dagli addetti ai lavori. Col batticuore ho accettato, ero entusiasta, anche se spaventata a morte, non ho mai fatto niente di simile e non sapevo proprio come fare. Ho passato praticamente tutto il venerdì sera e il sabato mattina a rileggermi il libro, ho guardato le recensioni delle altre partecipanti alla challenge, anche quelle non troppo positive per farmi un'idea dell'opinione delle lettrici in generale e ho sperato che andasse tutto bene. Sabato pomeriggio è arrivato, e il tempo rispecchiava il mio scompiglio, infatti sulle nostre teste si è abbattuto un temporale di proporzioni epiche, pioggia, tuoni, lampi, vento e anche freddo, che io non ho provato minimamente perché in preda all'agitazione.
Arrivo sul luogo della presentazione e mezz'ora prima dell'inizio vengo informata che sul palco sarò sola e condurrò io in tutto. Ho preso a sfogliare il libro come un'ossessa poi per fortuna non ho avuto troppo tempo per pensarci ed è cominciata. Ci tengo a dire che Diego De Silva è una persona brillante, che sa parlare bene e sa tenere un pubblico. Ha fatto ridere la gente, partendo da una mia semplice domanda è riuscito a parlare e anche a lungo, ha affrontato molti temi anche impegnativi, è stata una chiacchierata veramente appassionante. 
Chi ha letto il libro sarà felice di sapere che a lui Viviana piace e anche molto e non condivide la mia opinione su di lei. Tra battutine e risate ci siamo dilungati sul rapporto di coppia, sulla fatica di preservarlo, sulle differenze tra uomo e donna e su quelle fra matrimonio e relazione. E' stato molto interessante, è una persona che sentirei parlare per ore. 
Non so dire come sia andata questa mia prima esperienza, mi hanno detto che sono stata brava, ma ero attorniata da persone che mi sostenevano: mia madre, le mie amiche, le mie colleghe (grandi le mie "groupies"). Ho sentito molto l'appoggio e l'incitamento da parte anche di chi non poteva essere presente e tutto questo sostenermi è la cosa che più mi ha riempito il cuore, grazie a tutte.
A fine presentazione c'era la coda per la firma copia, quindi almeno un pochino di curiosità siamo riusciti a trasmetterla, ne sono contenta perché questo libro è veramente interessante e merita di essere più conosciuto.
Subito dopo l'intervento di De Silva è salito sul palco Marco Malvaldi che presentava l'ultimo libro della serie del BarLume (qui la mia recensione del primo), presentato da Simone Sarasso.  E' stato molto divertente, ha raccontato aneddoti della sua famiglia che gli hanno ispirato personaggi e situazioni e ha fatto ridere molto. Io sono riuscita a rilassarmi e a godermi l'incontro e ho persino rubato una  foto con lui, mentre mi facevo firmare i libri.
E' stata un'esperienza bellissima, mi spiace non essere riuscita a prepararmi meglio, ma per essere la prima volta sono contenta già di non aver fatto scena muta sul palco. Mi è piaciuto molto chiacchierare con Diego De Silva, è una persona squisita e ha fatto in modo che l'intervista fosse piacevole e stimolante per entrambi.
Ringrazio ancora Francesca e Massimo per l'opportunità che mi hanno concesso. E soprattutto ringrazio chi mi è stato vicino con una parola, un gesto, un incoraggiamento. Ultimo pensiero a mio marito che ha portato i bambini al mare concedendomi un intero weekend solo per me e la mia passione.
Se siete arrivati fino a qui, vi chiedo scusa per la lunghezza del post, avevo tante cose da dire e non sono sicura di averle espresse al meglio, spero di non avervi annoiato.
Conoscete questi autori? Li avete incontrati? Vi piacerebbe farlo?



20 commenti:

  1. Avvertita solo il giorno prima e all'ultimo momento ti ritrovi lì tutta sola?
    Accipicchia Chiara, ne hai di fegato! Mi fossi trovata io nei tuoi panni avrei cominciato a balbettare e a sudare freddo, poco ma sicuro.
    E tranquilla, sei stata chiarissima nel tuo racconto. E' questo che mi piace del tuo blog, hai uno stile molto colloquiale, ma perfettamente lineare. E non è poco.
    La cosa triste è che De Silva ce l'avevo a portata di mano questo mese, ma l'ho scoperto troppo tardi (il giorno dopo! Sigh sigh). Quindi il tuo post mi ha praticamente salvato la vita: le tue parole, per un momento, mi hanno permesso di essere lì.
    Grazieeee!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Rosa ma io ti ringrazio tanto, sei un carburante per la mia autostima, grazie davvero. E' stata un'esperienza unica e meravigliosa

      Elimina
  2. Ciao Chiara,
    immagino l'emozione! Tutta sola sul palco con De Silva.
    Conosco il libro, ma non l'ho letto perchè le storie di corna mi fanno soffrire, ma ho letto tutte le varie recensioni delle partecipanti alla challenge.
    Ancora complimenti per la tua bella prova.
    Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lea. Ho fatto incetta di libri suoi che hanno altri contesti. Ti dirò. E' stata un'emozione fortissima

      Elimina
  3. Chiara, ti faccio tanti complimenti per il coraggio che hai avuto nell'affrontare questa bellissima esperienza. Ti invidio moltissimo perché io non ne sarei stata proprio capace. Queste sono delle belle esperienze di vita e spero che ti ricapiteranno delle altre. Sei stata proprio brava. Post bellissimo e di nuovo tanti complimenti :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna, è vero è stata un'esperienza bellissima, ancora ogni tanto ci penso e non ci credo, non so se capisci. Grazie mille per i complimenti, non so se sono stata brava, mi sono divertita e mi è piaciuto, e questo è anche importante

      Elimina
  4. Dici che è lungo questo post?? Io avrei continuato a leggerti volentieri*-*
    È così bello che sembra di essere vicino a te mentre vivevi questa fantastica esperienza!
    E poi, complimenti davvero per il coraggio! Ma tanto io lo so che sei eccezionale!! Sarai stata sicuramente strepitosa;)
    xoxo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Valentina grazie mille! Ti dovrei presentare alle mie colleghe, siete un continuo stimolo per la mia autostima, grazie ancora

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Ahah XD formeremmo una bella combriccola!!

      Elimina
  5. Ecco, io senza un minimo di preparazione (che ne sono 5 o 6 mesi), me la sarei letteralmente fatta sotto. Anzi no, sarei salita sul palco, lo avrei guardato con lo sguardo della mucca che guarda passare il treno e avrei argutamente detto "Lei è De Silva..." tipo 60 volta! Sei stata grande!! E bravissima perchè ti sei buttata! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ihihih comunque credo che lo sguardo da mucca un po' l'ho fatto. Ma gli ho dato subito del tu e lui mi ha fatto il baciamano alla fine!!! Secondo me appena mi ha vista, e mi sono presentata come amica di Laura, ha pensato ad una possibile stalker, poi i miei discorsi su Viviana gli han fatto cambiare idea e si è rilassato.

      Elimina
  6. Chiara, che bel racconto, a parte l'interesse per i due autori di cui hai parlato è stato bello leggere della tua emozione e del tuo coraggio nell'affrontare questa esperienza, da sola, senza prepararti prima... a volte però è vero, no? le cose migliori succedono quando non ci si pensa troppo e ci si butta, seguendo l'istinto!
    Diego Da Silva non lo conosco (cioè, lo conosco come autore ma non ho mai ancora letto i suoi libri), ma Malvaldi è da tempo uno dei miei autori "top", di cui compro quasi a scatola chiusa, anche se al contrario della maggior parte delle persone amo di più i suoi "stand-alone" che la serie dei vecchietti del Bar Lume (comunque queste storie mi piacciono molto).
    Un abbraccio, buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eva, ricordo il tuo discorso su Malvaldi e ho seguito il tuo consiglio e comprato Odore di chiuso, ti dirò! Hai ragione, a volte le cose succedono se non si sta lì a pensarci troppo, sono contenta di essermi buttata, ma non ti nascondo che ero terrorizzata e ho passato la notte quasi in bianco. Ho anche stressato un'amica al telefono per tutto il giorno e anche quello dopo... Se ti capita dai un'opportunità a De Silva, io l'ho adorato, anche prima di questa meravigliosa esperienza

      Elimina
    2. Non vedo l'ora di leggere il tuo parere su "Odore di chiuso", a me è piaciuto moltissimo, l'ho letto ormai qualche anno fa ma la figura di Artusi investigatore mi è rimasta proprio impressa...

      Elimina
    3. Lo inizierò presto, sono molto curiosa anche io

      Elimina
  7. bravissima Chiara! Cavoli, se avessi saputo che moderavi sarei venuta su, in un'oretta sarei stata lì, avrei voluto ascoltarti! La prossima volta avverti, eheheh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Nadia ma a saperlo davvero! Ero scombussolata quando me l'hanno proposto e non ho pensato a invitare nessuno, a parte il gruppo di supporto. Mi sarebbe piaciuto conoscerti dal "vivo"! Se mi capiterà di nuovo sarai tra le prime a saperlo, prometto! Grazie

      Elimina
  8. Complimenti Chiara, un'occasione unica che hai fatto bene a raccogliere, un evento emozionante che ti ha senz'altro arricchita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cuore, mi emoziono ancora a pensarci!

      Elimina